Italgest: impianti sportivi sotto l’albero

Verso un centro sportivo cittadino

Il regalo del gruppo Italgest ai cittadini di Casarano consiste in uno stadio di calcio e in un palazzetto dello sport. Il progetto è già nelle mani dell’amministrazione comunale, a cui spetta valutarne la fattibilità e, soprattutto, rimediare i finanziamenti

Uno stadio per il calcio da 11mila posti, tutti a sedere e coperti, e un palazzetto dello sport con una capienza di 2mila spettatori. Il progetto di queste due opere costituisce il regalo di Natale che il Gruppo Italgest ha voluto fare alla comunità casaranese. L’annuncio è stato fatto dal patron del gruppo, Paride De Masi, durante la festa natalizia organizzata dalla Italgest al Palasport Euroitalia, il 21 dicembre scorso. Alla serata erano presenti tutti gli atleti delle varie discipline sportive sostenute dalla Italgest (calcio, pallamano, tennis), amministratori locali, tra cui diversi sindaci, e centinaia di tifosi. I due impianti, previsti attigui per costituire un centro sportivo cittadino, dovrebbero sorgere in contrada “Formica”, nelle vicinanze della zona industriale, area individuata dal Prg per gli impianti sportivi. De Masi ha voluto sottolineare che il Gruppo Italgest regalerà al Comune di Casarano il progetto del centro e sarà l'amministrazione civica a decidere cosa farne. Per la realizzazione dei due impianti servono ben 8 milioni di euro e toccherà a Palazzo dei Domenicani l’incombenza di trovare i fondi necessari. In un primo momento, la soluzione sembrava a portata di mano grazie all’ipotesi di un project financing, ossia un’operazione di finanziamento di opere di pubblica utilità con la quale un soggetto promotore (in questo caso, il Gruppo Italgest) propone ad un’amministrazione pubblica (il Comune di Casarano) di finanziare, eseguire e gestire l’opera pubblica, in cambio degli utili che deriverebbero dalla gestione della struttura stessa per un certo numero di anni. In Italgest, però, ad un certo punto si sono resi conto che la gestione di uno stadio non poteva far rientrare una spesa di 8 milioni di euro, nemmeno se fosse durata cento anni, e così l’idea del project financing è tramontata. Palazzo dei Domenicani si ritrova così con un progetto in mano, che ha comunque un costo non indifferente, con il terreno disponibile, ma senza il finanziamento. I prossimi mesi serviranno all’amministrazione civica per studiare un modo per reperire i soldi necessari alla realizzazione del centro sportivo. “Il progetto, chiaramente, lo accettiamo di buon grado – commenta il sindaco Remigio Venuti –; dobbiamo capire se il centro sportivo rappresenta per la città un obiettivo importante. Nei prossimi mesi – conclude il sindaco – faremo una valutazione seria a livello politico e studieremo la fattibilità del progetto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!