Discarica di Cavallino, chiusa per ferie

Le raccomandazioni dell’Ato Le/1 per un comportamento responsabile

Il 31 dicembre 2006 e l’1 gennaio 2007 la discarica di Cavallino resterà chiusa non permettendo un regolare conferimento dei rifiuti. E’ necessario, pertanto, seguire delle semplici regole emanate dall’Ufficio Unico per la raccolta dei rifiuti dell’Ato Le/1

Nelle giornate di domenica 31 dicembre 2006 e lunedì 1 gennaio 2007 la discarica di Cavallino (che serve l’intero bacino Le1) e le ditte preposte alla raccolta dei rifiuti lavoreranno con orario e tempi ridotti. Lo ha reso noto l’Ufficio Unico per la raccolta dei rifiuti dell’Ato Le1, istituito presso il Comune di Lecce. Lunedì 1 gennaio, in particolare, la discarica resterà chiusa non permettendo il regolare conferimento. E’ necessario un comportamento attento e responsabile per evitare il degrado della città. Pertanto, si chiede la collaborazione di tutti i cittadini in modo da evitare quanto più possibile nei giorni indicati il conferimento dei sacchetti di “tal quale”. Inoltre, si raccomanda di utilizzare, qualora i contenitori risultino colmi, quelli più vicini, in modo da evitare l’accumulo della spazzatura. Si raccomanda, infine, di utilizzare al massimo i contenitori della raccolta differenziata per il conferimento di carta, cartone, vetro, plastica e altri materiali, che soprattutto in questo periodo vengono prodotti in quantità superiori alla norma.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!