C’era una volta la chiesa del 500

Della mania di sostituire il vecchio con il nuovo

E’ necessario documentare le brutture per poter meglio conservare le bellezze e riflettere su quello che potrebbe esserci e non c’è. Ed avere un’idea chiara di ciò che avremmo potuto conservare

La salvaguardia del patrimonio storico-artistico, della ricchezza delle testimonianze architettoniche, figurative e urbanistiche passa necessariamente attraverso la consapevolezza che i cittadini hanno del loro valore storico, culturale, estetico. La maggiore sensibilizzazione alla tutela dei beni culturali è un dato di fatto degli ultimi decenni (stampa, mass-media, Università, enti locali); tuttavia molto c’è ancora da fare e molto e molti sono gli errori del passato prossimo… e del presente! E’ proprio da queste “sviste” e dalle incongruenze e dai numerosi sbagli già compiuti che bisogna ricominciare. Non dobbiamo perciò limitarci a segnalare testimonianze storico-artistiche in pericolo e in degrado, ma evidenziare scelte inopportune o danni irreversibili, esperienze negative dalle quali imparare per poter progettare il futuro. La mania di sostituire il “vecchio” o di ammodernarlo è sotto i nostri occhi, a volte caratterizza inevitabilmente i nostri centri antichi e il nostro ambiente e non si può fare ormai a per nasconderla. Cominciamo allora a documentare le “brutture” per poter meglio conservare le bellezze, partiamo dalle contraddizioni più evidenti e più forti. Si potrebbero così raccogliere non solo eloquenti immagini di strutture pericolanti o di beni mobili e immobili da recuperare, ma anche testimonianze delle trasformazioni di quegli angoli urbanistici o di quei monumenti minori condannati a un destino irreversibile e irrimediabilmente perduti. Occorre riflettere su quello che potrebbe esserci e non c’è, in modo da avere un’idea chiara di ciò che avremmo potuto conservare. Ciò servirà a valorizzare ulteriormente le nostre risorse e sarà forse un antidoto alla perpetuazione dei mali. Già molto tempo fa, un salentino come Cosimo De Giorgi, perlustrando in lungo e in largo la penisola per un censimento delle sue risorse (artistiche e ambientali), lamentava la mania di sostituire il vecchio con il nuovo. Chissà che non si contribuisca così a tutelare il nostro buon senso civico ed estetico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!