Nasce il laboratorio per lo studio dei tumori

Firmata la convenzione tra Asl e Università del Salento

Presentata la nuova struttura che ospiterà il laboratorio di proteomica clinica, all'avanguardia nello studio dei tumori

E'stata siglata ieri mattina la convenzione, della durata di 5 anni, tra Asl di Lecce e Università del Salento, che segna la nascita del Laboratorio di proteomica clinica per lo studio dei tumori. Affidato a Michele Maffia, presidente del Corso di laurea in Biotecnologie dell'ateneo salentino, il laboratorio avrà sede presso il padiglione oncologico dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce. La convenzione prevede la collaborazione tra l'Università e la Asl salentine attraverso lo scambio di competenze professionali per la realizzazione di didattica e ricerca scientifica d'avanguardia. Il laboratorio potrà usufruire di attrezzature ed apparecchiature per effettuare le analisi cliniche e realizzare diagnosi che consentono lo studio e l'individuazione di proteine responsabili di patologie neoplastiche ma anche di altre malattie. “L'utilizzo di tecniche di proteomica – dice Michele Maffia, direttore del laboratorio – consente infatti di determinare precocemente la presenza di uno stato patologico e la possibile predisposizione ad esso, spesso attraverso l'esame del sangue o delle urine. Nello studio, la diagnosi ed il trattamento dei tumori, l'analisi proteomica ha dato buoni risultati”. Per la realizzazione del laboratorio, la Asl Le/1 ha destinato 5 vani al primo piano del padiglione oncologico del Fazzi: 3 saranno utilizzati per le attività di laboratorio e 2 come studi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!