“Napolitano, a Capodanno, pensi ai piccoli Comuni”

La necessità di uno sforzo congiunto per mantenere in vita sapori, valori e saperi

Virgilio Caivano, portavoce del coordinamento nazionale dei piccoli Comuni italiani, chiede, in una lettera a Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica, di rivolgere, nel suo discorso dell’ultimo dell’anno, un pensiero alle piccole comunità d'Italia

Sia fatta menzione ai piccoli Comuni nel tradizionale discorso di fine anno del presidente della Repubblica. Lo chiede Virgilio Caivano, portavoce del coordinamento dei piccoli Comuni italiani, direttamente a Giorgio Napolitano. “Ci ricordi nel suo significativo messaggio”, dice. Ecco il testo integrale della lettera inviata da Caivano a Napolitano. “Gentile presidente Napolitano, il messaggio che Lei rivolgerà agli italiani l’ultimo dell’anno, rappresenta un momento di grande importanza per il Paese. La nostra speranza è che Lei trovi lo spazio ed il tempo per dedicare un significativo passaggio del Suo discorso ai Piccoli Comuni Italiani. Un gesto, per noi che viviamo nelle piccole comunità locali, fortemente atteso perché rinnova nei nostri cuori quei sentimenti di speranza per un futuro migliore per dieci milioni di cittadini che vivono nei piccoli Comuni italiani. Dieci milioni di cittadini che si vedono di fatto negati diritti elementari, come la guardia medica, il pediatra, la scuola, internet veloce, viabilità, trasporti pubblici. In questi anni il dibattito politico nazionale ha prodotto molte parole e pochissimi fatti. La triste vicenda della legge a favore dei piccoli Comuni proposta dal deputato Ermete Realacci, approvata alla Camera dei Deputati nel gennaio del 2003 e mortificata ed abbandonata nei cassetti del Senato della Repubblica dimostra plasticamente l’insensibilità del Governo Berlusconi e della sua maggioranza parlamentare. In questi mesi, la nuova proposta Realacci è all’esame di alcune Commissioni alla Camera e l’impegno del presidente della Camera Fausto Bertinotti per una rapida approvazione è per noi motivo di grande fiducia. Anche nelle Regioni italiane qualcosa si muove e sono oggi ben nove le Regioni cha hanno varato misure a sostegno dei piccoli Comuni. Occorre però uno sforzo complessivo del governo e dell’intero sistema Paese, per fare in modo che un grande patrimonio di valori, sapori e saperi non vada perduto per sempre. La nuova maggioranza parlamentare sembra più attenta, almeno dalle misure messe in campo nella legge finanziaria pare che qualcosa si muova. Per queste ragioni, siamo qui a chiedere attenzione, disponibilità ed un chiaro impegno del presidente della Repubblica su questo tema. Il discorso di fine anno, da sempre è un riferimento ed una prospettiva seria per la politica italiana ed un messaggio di forte sostegno alle ragioni dei piccoli Comuni italiani può essere uno straordinario incentivo al Parlamento italiano per arrivare ad una rapida approvazione della legge a favore delle piccole comunità locali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!