Università: musica dal vivo

SUM 2006: al via la distribuzione del doppio cd con i brani di 30 band salentine emergenti

Venerdì 15 dicembre alle ore 11, presso il Monastero degli Olivetani di Lecce, ci sarà la distribuzione gratuita di un cd, realizzato da SUM, con 30 brani di band salentine emergenti agli studenti dell’Ateneo salentino

SUM è un’idea, un progetto, un modo nuovo di pensare allo spazio. Nati nel 2003 nel Salento da un gruppo di studenti dell’Università di Lecce. SUM è uno spazio di comunic/azione in cui la musica ed i giovani musicisti e artisti emergenti sono protagonisti. L’edizione 2006 di SUM, attualmente sostenuta finanziariamente dal consiglio degli studenti dell’Università di Lecce, è patrocinata dalla Regione Puglia, dalla provincia di Lecce, dal Comune di Lecce e dalla facoltà di beni culturali dell’ateneo salentino. La provincia di Lecce ha ritenuto, in particolare, che l’iniziativa rappresenti una valida occasione di promozione della cultura musicale locale, alternativa e quella tradizionale, a testimonianza di un fermento artistico originale. Partner dell’edizione 2006 di SUM sono il laboratorio multimediale Gecko Lab e Lampo – Laboratorio delle musiche popolari, e le associazioni Salento Università, Progetto Universitas, Erasmus student network e Laupo – libera associazione universitaria pari opportunità. Il progetto nasce dall’esigenza di creare nuovi spazi di comunic/azione, in cui potersi esprimere attraverso la musica lontano da logiche di merchandising. SUM si propone come strumento di promozione della cultura locale, dove per “promozione” non si intende lo sfruttamento economico delle capacità di un gruppo o di un genere musicale, ma la creazione di un mezzo che permetta ai gruppi di esprimersi liberamente e al pubblico di conoscere e ascoltare nuovi suoni. Nella sua prima edizione, SUM ha prodotto la prima compilation di suoni universitari, stampata in 1.300 copie grazie al finanziamento dell’Università di Lecce. All’interno, i brani di 15 band emergenti. Nel 2006 SUM torna confermandosi come spazio, non necessariamente fisico, dove i gruppi possano condividere le proprie esperienze e il proprio bagaglio tecnico musicale. Per favorire la diffusione di differenti generi musicali, questa edizione di SUM si è caratterizzata per un bando di partecipazione diviso in tre macro-aree: rock (metal, blues, hard-rock, heavy, fusion, noise, ecc.); etnica & canzone (world music, canzone d’autore, etnica, folk, reggae, ecc.); elettronica (hip-hop, trip-hop, dub, drum’n’bass, R&B, electro, ambient, ecc.). Le band giovanili partecipanti sono state selezionate soltanto in base a criteri numerici, relativi al numero di iscritti all’Università componenti della band e all’età media degli stessi. Il successo dell’edizione è stato sancito con la decisione di stampare un cd doppio, riprodotto in 1000 copie. All’interno, i brani di ben 30 band emergenti. Accanto al cd, è stato stampato un book di presentazione di tutti i gruppi partecipanti, che consentirà alle band di farsi conoscere ed essere contattate. Quello della tutela dei diritti d’autore è un problema che i giovani gruppi affrontano sempre con difficoltà. Ecco perché SUM organizzerà un seminario riguardante i cosiddetti “creative commons”, un “copyright flessibile per opere creative”. Il seminario è promosso in collaborazione con la facoltà di giurisprudenza dell’Università di Lecce. L’edizione 2006 di SUM vede il sito internet www.suoniuniversitari.it completamente rinnovato, trasformato in un vero e proprio portale pronto per essere non solo la vetrina ma anche il luogo virtuale di incontro tra i gruppi e tra i gruppi e gli “addetti ai lavori”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!