Università e moda: al via i master

Sistema moda e made in Italy: centri di potere e periferie produttive. Un convegno per dare il via ai master sulla moda dell’Università del Salento

Venerdì 15 dicembre nella sala conferenze del rettorato, in piazza Tancredi 7 a Lecce, avrà luogo il convegno: “Sistema moda e made in Italy: centri di potere e periferie produttive”. Il meeting, che vedrà l’intervento dello stilista Ennio Capasa, rappresenta l’avvio dei master “Strategie di marca e nuovi media nel settore moda” e “Fashion Design”

Venerdì 15 dicembre, nella sala del rettorato, sito in piazza Tancredi a Lecce, avrà luogo il convegno, di studi sul “Sistema moda e made in Italy”. Il meeting, che vedrà l’intervento dello stilista Ennio Capasa, rappresenta l’avvio dei master “Strategie di marca e nuovi media nel settore moda” e “Fashion Design”, organizzati dall’Università del Salento nell’ambito dei POR Puglia 2000/2006 – PIT 9 (Programmi Integrati Territoriali). L’iniziativa, promossa dalla facoltà di Economia dell’Università del Salento, dal Centro Studi Interuniversitario “Nuovi Media, Design e Strategia di Marca”, dal Comune di Casarano, dalla Regione Puglia, dal Fondo Sociale Europeo e dal ministero del Lavoro, in collaborazione con Costume National, proseguirà sabato 16 dicembre, alle ore 10, nella sede del CISI Puglia di Casarano (zona Industriale – provinciale Casarano/Maglie). Il master universitario di II livello in “Strategie di marca e nuovi media nel settore moda”, intende formare esperti in strategie di marca nell’economia digitale in grado di operare efficacemente nel settore moda salentino, con una propensione all’internazionalizzazione ed alle sfide dell’economia digitale. Nell’era della net economy, il passaggio dall’advertising alla comunicazione richiede nuove competenze e nuove professionalità: i tradizionali profili del mondo della comunicazione si stanno ridisegnando per far fronte ai mutamenti dell’impresa, del mercato e dei consumi branding oriented. Il master in “Strategie di marca e nuovi media nel settore moda” si propone di affrontare con strumenti adeguati gli scenari del cambiamento in atto, per rispondere alle esigenze di coordinamento del pensiero strategico della marca, il cui cuore è rappresentato dalla brand equity. Il master si articola in cinque aree tematiche, ovvero: marketing strategico ed operativo; trade marketing e sales management; metodi e tecniche di comunicazione; marketing e comunicazione nella moda; nuovi media. A completamento del corso gli allievi dovranno svolgere un project work realizzato per committenti reali (aziende, enti, istituzioni, associazioni) che consenta l’applicazione pratica delle competenze acquisite in aula. Mentre, il master universitario di I livello in “Fashion Design”, ha l’obiettivo di formare progettisti di prodotto nel settore moda che abbiano specifiche competenze sui prodotti ed i linguaggi della moda con conoscenze di materiali, tecnologie e processi di progettazione e produzione. Il piano didattico si articola in sei moduli: meta-progetto; progettazione del tessuto, del prodotto moda e dell’accessorio; rappresentazione e comunicazione del progetto; materiali, tecnologie, processi e metodi della produzione; storia e sociologia della moda; marketing, economia aziendale e pianificazione strategica.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!