Nuovi manager e una scuola di sanità pubblica

Raggiunto l’accordo tra provincia di Lecce, Ausl/Le 1 e 2 ed Università degli studi di Lecce per l’alta formazione in materia sanitaria

La giunta provinciale ha approvato una dichiarazione d’intenti per l’alta formazione in sanità in collaborazione con l’Università e le Ausl/Le1 e Le2: obiettivo dell’iniziativa, la costituzione di una scuola di sanità pubblica

La giunta provinciale, presieduta da Giovanni Pellegrino, ha approvato, nella seduta di lunedì 11 dicembre la dichiarazione di intenti in materia di alta formazione e formazione continua in sanità, tra all’assessorato alla formazione professionale della provincia di Lecce, il dipartimento di studi giuridici dell’Università di Lecce, le Ausl/Le1 e Le2. Grazie a questa intesa sarà possibile realizzare attività di alta formazione in management sanitario presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Lecce per l’anno accademico 2006/07, con l’obiettivo di formare manager in grado di orientare ed innovare la gestione delle aziende sanitarie e di creare una scuola di sanità pubblica. Inoltre, la provincia di Lecce e l’Università del capoluogo salentino hanno avviato, insieme all’assessorato alla sanità della Regione Puglia, la procedura per il riconoscimento dell’attività formativa ai fini dell’inserimento delle persone formate negli albi degli idonei allo svolgimento di incarichi dirigenziali nelle strutture sanitarie pubbliche pugliesi. “La provincia di Lecce – dichiara Mario Pendinelli, assessore alla formazione professionale della giunta provinciale – contribuirà con 40mila euro a questo progetto, nella piena convinzione che nel campo dell’alta formazione del managment sanitario è necessaria una azione congiunta di cooperazione fra le istituzioni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!