Lecce: nasce una nuova area verde

Presto inizieranno i lavori nel capoluogo salentino per la riqualificazione delle periferie e la costruzione di nuove aree verdi

Paolo Perrone, assessore ai lavori pubblici del comune di Lecce, commenta soddisfatto l’operato della giunta comunale leccese che ha dato il via libera al rifacimento di alcune strade e la costruzione di nuove aree verdi

Rifacimento della pavimentazione pedonale, potenziamento della pubblica illuminazione ed inserimento di opere a verde ed arredo urbano: così l’area di circa 660 metri quadri in via Scipione Ammirato (compresa tra via Di Pettorano e via D’Annunzio) si rifà il look grazie ad un intervento inserito nell’elenco delle opere pubbliche 2005. La ditta aggiudicataria è la “Mele Costruzioni s.a.s. Un secondo intervento riguarda invece il prolungamento di via Tevere e l’adeguamento di via Bradano, assegnato con gara d’appalto alla ditta “Franco s.r.l.” Per via Tevere è previsto un prolungamento di 125 metri (sino a via Adriatica) e l’ampliamento della rete di pubblica illuminazione. Per via Bradano è prevista la realizzazione di una carreggiata della larghezza di 11 metri (su 35 metri di lunghezza) ed aiuole per alberature di alto fusto. “Si tratta di un paio di interventi significativi – spiega Paolo Perrone, vicesindaco ed assessore ai lavori pubblici della giunta guidata da Adriana Poli Bortone – inseriti nella nostra agenda per la riqualificazione delle periferie della città. Soprattutto grazie a quello previsto su via Scipione Ammirato nascerà una nuova area a verde di dimensioni non trascurabili, a disposizione di chi intende trascorrere qualche ora in tutta tranquillità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!