Cinque euro per una buona azione

L’iniziativa di Antonio Rotundo, candidato sindaco al Comune di Lecce

Più di mille azioni vendute al costo di cinque euro. E’ il modo con cui Antonio Rotundo chiama tutti i leccesi a partecipare al finanziamento della politica. Il successo dell’iniziativa conferma la voglia dei cittadini di partecipare

Ha riscosso successo l’iniziativa, che si è realizzata domenica, di sottoscrizione della “Buona Azione” che finanzierà la campagna elettorale di Antonio Rotudno, candidato sindaco al Comune di Lecce. In centinaia, ieri mattina, hanno infatti acquistato le azioni dal costo unitario di 5 euro, che rappresentano materialmente ma anche idealmente la svolta nel metodo di finanziamento della politica, trasparente e certificato (è stato superato il tetto delle mille azioni vendute in una mattinata). “Lo straordinario riscontro che abbiamo avuto – ha dichiarato il candidato – è l’ulteriore conferma della colossale domanda che ci arriva dalla società leccese: interagire con una politica diversa, pulita e trasparente, lontana dal piegarsi a logiche affaristiche e condizionamenti di lobby o gruppi d’interesse, ma piuttosto vicina ai cittadini e non agli intrighi. In virtù di questa domanda forte, di pulizia morale, di trasparenza e di rinnovamento – ha continuato Rotundo –, i leccesi ci hanno confermato la loro disponibilità a contribuire direttamente all’autofinanziamento della campagna elettorale, sottoscrivendo le nostre azioni per una città nuova, al costo di 5 euro. Questa ulteriore attestazione – ha concluso – ci richiede un maggiore impegno, una nuova risposta ai nostri concittadini: per questo, tutta la campagna elettorale e le relative spese saranno rendicontate nel Bilancio della Campagna Elettorale e rese pubbliche al termine della fase che culminerà con le Amministrative 2007”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!