Un premio in memoria di Maria Teresa Di Lascia

Indetto il bando di concorso per il primo premio nazionale di narrativa in memoria di Maria Teresa Di Lascia, che visse tra Rocchetta Sant’Antonio(Foggia) e Fiuminata (Macerata)

Il coordinamento nazionale piccoli comuni ha indetto il primo premio nazionale di narrativa “Maria Teresa Di Lascia” in memoria della scrittrice che fondò l’associazione “Nessuno tocchi Caino” e vincitrice del Premio Strega95 con il romanzo postumo “Passaggio in Ombra”

“Il premio nazionale di narrativa – dichiara Virgilio Caivano, portavoce del coordinamento nazionale dei piccoli comuni italiani – dedicato alla vincitrice del Premio Strega 95 con il romanzo postumo “Passaggio in Ombra” è un chiaro messaggio di attenzione che le piccole comunità locali riservano alla narrativa ed alla cultura in generale come veicolo e strumento straordinario per fare del patrimonio culturale dei piccoli comuni italiani una opzione credibile per uno sviluppo alternativo del nostro Paese. Il coordinamento nazionale dei “Piccoli Comuni” impegnato a sostenere sulla rete tale iniziativa – conclude il portavoce dei piccoli comuni – chiederà a Fausto Bertinotti, presidente della camera dei deputati, di dedicare alla parlamentare radicale Maria Teresa Di Lascia una sala di Montecitorio come risposta concreta delle istituzioni parlamentari al grande impegno civile, sociale e politico della fondatrice dell’Associazione mondiale “Nessuno tocchi Caino”. Il Comune di Rocchetta Sant’Antonio ed il Comune di Fiuminata, i due piccoli comuni che costituiscono le tappe fondamentali della vicenda umana e letteraria della scrittrice Maria Teresa Di Lascia, intendono onorare la sua memoria indicendo il Premio nazionale di narrativa “Maria Teresa Di Lascia”, I Edizione 2007, riservato alla scrittura delle donne. Potranno concorrere autrici di romanzi e raccolte di racconti(almeno 4) scritti originariamente in lingua italiana, pubblicati in prima edizione a partire dal 1 gennaio 2004 fino al 31 agosto 2006. Le case editrici che intendano far concorrere opere da loro pubblicate dovranno inviare n.5 copie al seguente indirizzo: Biblioteca “G.Libertazzi”, via Francesco De Sanctis,1, 71020 Rocchetta Sant’Antonio(Fg) entro e non oltre il 30 marzo 2007, indicando sul plico l’annotazione “Premio M.Teresa DiLascia”. Per la scadenza farà fede il timbro postale. La Giuria selezionerà tre opere di ognuna delle quali saranno acquistate 70 copie. Nelle votazioni in caso di parità il voto del presidente della giuria varrà doppio. Le tre opere prescelte verranno distribuite ai componenti di una giuria popolare, rappresentativa delle due comunità cittadine, composta da 30 residenti scelti dal sindaco su proposta della giunta Comunale di Rocchetta Sant’Antonio e da 30 residenti scelti dal sindaco su proposta della giunta Comunale di Fiuminata. All’autrice dell’opera che risulterà vincitrice, dopo lo spoglio delle schede, verrà assegnato un premio di 3000 euro(tremila). Alle autrici seconda e terza classificata verrà assegnato un premio di 1000 euro(mille). I premi verranno assegnati solo in presenza delle autrici. La Commissione Giudicatrice è formata da: Aldo Luzi, docente ordinario di “Letteratura italiana contemporanea”, presso l’Università degli studi di Macerata. Carla Carotenuto, assegnista di ricerca e docente per affidamento presso l’Università degli studi di Foggia. Giuseppe Dematteis, docente ordinario di “Storia della critica, della retorica e delle poetiche” presso L’Università degli studi di Foggia; Alfredo Luzi sarà inoltre il direttore scientifico della commissione e presidente della giuria. Le edizioni del premio “Maria Teresa Di Lascia” si svolgeranno alternativamente nei due piccoli comuni promotori dell’iniziativa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!