Sport per tutti, è legge

Capone: “Sport per tutti, è finalmente legge regionale”

Salvatore Capone, assessore provinciale allo sport, all’indomani dell’approvazione della legge regionale “Norme per lo sviluppo dello sport per tutti”, commenta soddisfatto lo strumento legislativo che fa della Puglia una Regione all’avanguardia nello sport

“È finalmente legge regionale. Dopo 21 anni di attesa dall’ultima legge regionale sullo sport, la Puglia si è dotata di uno strumento legislativo all’avanguardia in Italia. – Con queste parole Salvatore Capone, assessore provinciale allo sport,commenta all’indomani dell’approvazione della legge regionale “Norme per lo sviluppo dello sport per tutti”. – Il travaglio che ha portato all’approvazione di questa nuova normativa segna un punto cardine nella vita politica della nostra Regione, da cui nessuno potrà prescindere in futuro allorché si parlerà di democrazia compiuta. Di questo risultato noi salentini dobbiamo essere particolarmente orgogliosi, avendo dato un contributo quantitativamente e qualitativamente molto rilevante. – Continua ancora l’assessore della giunta Pellegrino – Il percorso partecipato, pensato dall’assessore Minervini e realizzato in stretta cooperazione con le province Pugliesi e con le istituzioni sportive, infatti, ha visto già dal Forum provinciale svoltosi a Lecce il 10 novembre 2005, quale e quanto impegno siano stati profusi dai numerosi partecipanti nell’analisi, nella valutazione e nell’elaborazione di proposte di modifica alla prima bozza del disegno di legge sullo sport, predisposta dagli uffici regionali. La partecipazione, inoltre, di enti e sodalizi fondamentali nei processi educativi e formativi extra sportivi dei giovani e di componenti importanti della società civile (scuola, giustizia minorile, volontariato sociale, forze armate, ordini professionali, medici dello sport, sindacati, amministrazioni comunali, organizzazioni confessionali, oratori) ha portato una serie di spunti di riflessione e di proposte ritrovate poi nella legge approvata. Tanti emendamenti – prosegue convinto Capone – alla bozza di legge e tanti spunti di approfondimento emersi dal forum di Lecce hanno costituito elementi fondamentali per l’elaborazione finale di molti degli articoli approvati nella nuova legge. Una particolare soddisfazione, tuttavia, dobbiamo esprimere per il ruolo essenziale assegnato alle province pugliesi ed agli locali complessivamente. Gli articoli che definiscono le competenze ed il ruolo di questi enti locali territoriali intermedi – spiega con precisione l’assessore – danno nettamente il senso di quanto sia percepito importante il ruolo delle province nel mondo dello sport. Dallo studio delle proposte di modifica e di integrazione, formulate nei vari forum tenutisi in Puglia, sino a quello conclusivo regionale, è evidente che tutti, soprattutto gli addetti ai lavori, hanno voluto attribuire e confermare a questi enti quell’importante ruolo di coordinamento e di indirizzo, anche nell’adozione di scelte importanti in questo settore. Il riconoscimento di questo ruolo conforta e stimola gli amministratori provinciali a voler assegnare a questo settore del vivere civile, ormai ritenuto dai più strategico, l’importanza e le risorse necessarie. Saranno i regolamenti – dichiara concludendo l’assessore provinciale – che seguiranno all’approvazione di questa “legge quadro”, a dare corpo agli indirizzi ed all’impostazione contenute nella nuova norma. In questo senso proseguiremo nella linea già individuata, coinvolgendo in un prossimo forum provinciale quanti già hanno dato la propria collaborazione, sia per tracciare il percorso da compiere per la piena attuazione della nuova legge, sia per formulare insieme le proposte operative per la nostra provincia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!