Medici indagati per la morte di un’anziana

Ieri l’autopsia. Ed ora tocca al pm fare chiarezza sulle responsabilità dei medic

Dall’ospedale di Galatina a quello di Casarano. Ma ormai non c’era a da fare. Si è spenta per presunta negligenza dei medici galatinesi una anziana di Sogliano Cavour. Operata per un’ernia ombelicale, ma affetta da una forma avanzata di peritonite

Si è spenta all’ospedale di Casarano, dove era stata trasferita in seguito a due mesi di degenza presso l’ospedale Santa Caterina Novella di Galatina, un’anziana donna di Sogliano Cavour. Indagati per omicidio colposo undici medici del reparto Chirurgia dell’ospedale galatinese, che secondo il pubblico ministero Maria Consolata Moschettoni, avrebbero mantenuto un comportamento professionale caratterizzato da negligenza, imprudenza ed imperizia. L’inchiesta era stata avviata dopo un primo intervento chirurgico sull’anziana, dopo il quale il quadro clinico della paziente precipitò notevolmente. Un secondo intervento permise di constatare la presenza di una peritonite con perforazione dell’intestino. Da quel momento la donna sarebbe entrata in coma e a a sarebbe servito il suo trasferimento presso l’ospedale di Casarano. L’autopsia che si è svolta ieri ha chiarito che la morte della donna è sopraggiunta per embolia polmonare. Al pm Moschettoni stabilire se ritenere responsabili del decesso dell’anziana i medici del Santa Caterina Novella.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!