“Più infanzia, più cura”: incontro di verifica

Seminario di verifica del corso, tenuto dall’Università di Lecce in primavera per preparare laureati e laureandi nei settori dei servizi di cura per l’infanzia

Il corso “Più infanzia, più cura”, a cura di Sviluppo Italia, si è tenuto in primavera presso l'Ateneo leccese con l'obiettivo di indirizzare gli studenti nel settore dei servizi di cura per l’infanzia. Un incontro verificherà i risultati raggiunti

Mercoledì 15 novembre, dalle 10.30 alle 13.30, nell’aula dei seminari di scienze sociali e della comunicazione (via dei Salesiani 2, Lecce), avrà luogo l’incontro di verifica del corso di formazione a cura di Sviluppo Italia tenutosi nella primavera sul tema: “Più infanzia, più cura”. All’incontro saranno presenti Donatella Toni e Roberto Venneri (rispettivamente tutor e responsabile del progetto di Sviluppo Italia), la delegata alle pari opportunità dell'Università di Lecce, Marisa Forcina, docente dell’ateneo leccese, Donatella Grasso, presidente del comitato pari opportunità e Serenella Molendini, consigliera di parità. Il corso, che ha avuto come obiettivo quello di indirizzare laureate e laureande in discipline umanistiche e psico-pedagogiche verso attività imprenditoriali nel settore dei servizi di cura per l'infanzia, ha visto partecipi venti ragazze che sono state accompagnate in un percorso di orientamento, di formazione e di preparazione alla creazione d'impresa; è servito inoltre a fornire loro competenze di tipo manageriale e imprenditoriale. L'incontro servirà per verificare il lavoro svolto e ad analizzare le diverse opportunità o difficoltà incontrate dalle partecipanti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!