Antonica scrive a Fitto

Una lettera di scuse per le violenze negli stadi

Dopo gli episodi di violenza verificatisi mercoledì sera durante la partita Maglie-Galatina, Sandra Antonica, sindaca di Galatina, chiede scusa ad Antonio Fitto, sindaco di Maglie

Dopo gli incidenti che si sono verificati mercoledì sera sugli spalti del derby Maglie-Galatina, durante un incontro del campionato di Eccellenza, Sandra Antonica, sindaca di Galatina, ha inviato una lettera ad Antonio Fitto, primo cittadino di Maglie, in cui ha espresso il proprio rincrescimento per l’accaduto ed ha auspicato che avvenimenti del genere non si verifichino più. Riportiamo la lettera di Antonica: A seguito degli scontri verificatisi al termine della partita Maglie – Galatina, del campionato di Eccellenza, che ha coinvolto le tifoserie delle rispettive squadre, sentiamo il dovere civico di esprimere tutto il nostro rincrescimento per l’accaduto. Condanniamo ogni forma di violenza che trasforma un evento sportivo in un momento di scontro tra tifoserie. Purtroppo, nostro malgrado, ci troviamo a dover commentare un episodio che con lo sport non ha niente a che vedere. Non solo, ma queste gesta, sicuramente censurabili, avviliscono lo spirito sportivo tramutando un momento di festa, quale dovrebbe essere una partita di calcio, in vera tristezza. Nello stesso tempo siamo qui a sottolineare che l’episodio, nato da una provocazione subita dai tifosi galatinsei, ha prodotto una reazione certamente non giustificabile. Auspichiamo che in futuro questi incresciosi episodi non abbiano a ripetersi e per questo invitiamo le dirigenze dei rispettivi sodalizi a spronare le rispettive tifoserie verso comportamenti civili facendo proprio il messaggio ludico ed educativo dello Sport.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!