Ancora furti in villa

I ladri ritornano a colpire, un mese dopo, vicino casa di Poli Bortone

Contrada Torre Mozza a Lecce è stata nuovamente interessata da un furto in villa. Ma sembra che gli autori della rapina non siano gli stessi che hanno messo a punto i colpi da un anno a questa parte

Tornano i ladri in contrada Torre Mozza a Lecce. Proprio lì dove circa un mese fa è stata svaligiata la villa di Adriana Poli Bortone, primo cittadino del capoluogo salentino. Ma stavolta non si tratterebbe degli stessi autori dei furti scorsi, quelli che, nella seconda metà del 2005, hanno ripulito le abitazioni di noti imprenditori e uomini in vista del territorio provinciale. Secondo le prime ricostruzioni effettuate dai poliziotti delle Volanti e della Squadra mobile, infatti, la banda che si è introdotta sabato sera in villa Prontera Perrone (via Adolfo Cezza) ha preferito farlo dal piano terra, lì dove l’allarme non era stato inserito. Gli autori delle rapine dei mesi passati hanno invece dimostrato una elevata abilità nell’eludere i sistemi di controllo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!