Calimera: tempo di cambiamento

Il partito di Forza Italia di Calimera, nei giorni scorsi, si è riunito in Congresso per il rinnovo del coordinamento comunale

Nella sala “Aldo Moro”, il coordinamento comunale di Forza Italia di Calimera, in presenza di tutti i maggiori esponenti provinciali e regionali di Forza Italia è stato eletto il nuovo coordinatore cittadino: Nicola Cucurachi

Nella sala “Aldo Moro”, alla presenza di Raffaele Fitto, coordinatore regionale, di Cosimo Gallo, segretario provinciale, di Rosario Giorgio Costa, e di Rocco Palese e Raffaele Baldassarre, consiglieri regionali e di Giuseppe Rosato sindaco di Calimera, dopo un'appassionata discussione critica sulla legge finanziaria che il governo Prodi si appresta a varare, è stato eletto per acclamazione il nuovo coordinatore cittadino, Nicola Cucurachi. Durante il congresso, inoltre, è stato eletto il direttivo, composto dai signori: Roberto Bruno, Giovanni Calogiuri, Pantaleo Campanelli, Assunto Colella, Maurizio Conversano, Federico De Giorgi, Leonardo Dimitri, Antonio Mattei, Pantaleo Natale, Luigi Pascali, Adele Signore, Antonio Signore, Massimo Sprò, Anna Tommasi, Brizio Tommasi, Luigi Tommasi ed Emilio Trenta. Il neo eletto Nicola Cucurachi, quarantenne è già candidato all’elezioni comunali del 2000, ha rivolto un sentito ringraziamento al coordinatore uscente Gaetano Coppone per il proficuo lavoro finora svolto e a tutti i presenti per la stima e l'affetto dimostratigli, dicendosi convinto che Forza Italia a Calimera dovrà rappresentare sempre più un costante e fermo punto dì riferimento per la collettività. Ha, poi, rivolto apprezzamenti all'attuale amministrazione comunale che, nonostante la scomoda eredità lasciata da chi l'aveva preceduta, è riuscita in appena un anno e mezzo a chiudere il triste capitolo dei debiti fuori bilancio e ad imprimere una svolta importante in settori fondamentali per la vita e l'economia del paese.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!