Parco Corvaglia. Il Tar dà ragione al Comune

Via libera al progetto dell'amministrazione

Sul futuro di Parco Corvaglia di Lecce si pronuncia il Tar: “Il Comune ha ragione”. Si proceda, dunque, con il progetto dell'amministrazione di realizzare, dove oggi sorge il parco, un mercatino rionale con parcheggio sotterraneo, spazi verdi e giochi per i bambini

Il Tar dice di procedere con il progetto dell’amministrazione comunale di Lecce, che, al posto di Parco Corvaglia, vuole realizzare un mercatino rionale dotato anche di una zona verde. A a sono valsi i ricorsi di cittadini e l’intervento dei carabinieri che avevano chiesto copia di tutti i progetti relativi alle opere previste dal Comune nella zona San Pio. Il Tar non ci vede a di scorretto. Neppure la rimodulazione degli interventi stabilita dalla stessa amministrazione che, comunque, lasciava invariato il termine di completamento dei lavori.

La vicenda si apre nel 1999, quando l’amministrazione di Lecce, decide di integrare un piano di riqualificazione urbana per San Pio presentato dal precedente esecutivo cittadino ma non ammesso a finanziamento. Il nuovo Pru viene approvato all’unanimità dal consiglio comunale e prevede la realizzazione in quell’area di un mercatino rionale con area attrezzata a verde e parcheggio sotterraneo. Ma nel 2001 la delibera con cui il Comune decide, di concerto con gli alunni della scuola elementare Diaz, di piantare nell’aera alcuni alberi riapre la discussione, perché viene vista dai residenti come una contraddizione rispetto alle decisioni già prese sul futuro della zona San Pio. Oggi il Tar ha dato il via libera al progetto dell’amministrazione. Il mercatino rionale di farà. Assieme al parcheggio sotterraneo già previsto. E al verde per i bambini.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!