Poli chiama, Vendola non risponde

Il coordinatore di An in Puglia Poli Bortone lamenta il silenzio della Regione

Adriana Poli Bortone, coordinatore regionale di An, sottolinea con rammarico il silenzio di Nichi Vendola, presidente della regione Puglia, in merito all’ipotesi di rinominare la Fiera del Levante, Fiera pugliese del Levante

Adriana Poli Bortone, coordinatore regionale di An ed europarlamentare, commenta amarezza l’atteggiamento di Nichi Vendola, presidente della Regione, che non ha ancora espresso il suo parere in merito alla possibilità di mutare il nome Fiera del Levante in Fiera pugliese del Levante. La sindaca di Lecce, torna a chiedere il confronto con la Regione sul tema della Fiera del Levante e sul futuro dell’appuntamento barese. “Non ci resta che la rassegnazione di fronte al perdurante atteggiamento della Regione Puglia che nega il dialogo con il territorio. Quella parte della Puglia che chiede di discutere, per esempio del futuro della Fiera del Levante – continua Adriana Poli Bortone – concertazione e confronto – puntualizza – sono stati i cavalli di battaglia della campagna elettorale del presidente Vendola. Oggi si rivelano clamorose bugie, dal momento che del futuro della Fiera, il presidente Vendola non solo non discute con il territorio, ma neanche con i suoi “compagni di viaggio” se è vero che l’argomento è una spada di Damocle sugli equilibri della maggioranza alla Regione e dell’intera coalizione del centrosinistra pugliese. Le trattative di Ds e Margherita sulle nomine di questi giorni sono lo specchio di questa situazione. Preoccupa che più che sulla sostanza si litighi su altro: poltrone e ruoli. Noi ci siamo limitati – conclude ancora il coordinatore regionale di An – ad ipotizzare e proporre un consiglio di amministrazione dell’Ente Fiera in grado di contemplare la presenza dei Comuni e delle Province pugliesi, in modo tale da concretizzare il nuovo soggetto “Fiera pugliese del Levante”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!