[DVD] Ultraviolet

Milla Jovovich in tutina di pelle, occhiali da sole e spada a punta quadrata. Basta questo a giustificare il noleggio e la visione?

Magari siete tra quelli che considerano Milla Jovovich brava oltre che bella, magari avete visto con molto scetticismo Resident Evil e lo avete trovato sorprendentemente un buon film, un B-movie solido, ben interpretato da Milla che, così, diventa la vera regina dell’action-movie (altro che Angelina/Lara Croft). Magari, dopo Resident Evil: Apocalisse avete pensato che anche in questo episodio la Jovovich, nonostante il film non avesse molto senso, fosse stata brava. Magari tutto questo vi farà pensare, come lo ha fatto pensare a me, che Ultraviolet meritasse una visione domestica. Beh, vi rassicuro, a giustifica la visione di questo orrendo film. Una storia senza capo ne coda, una regia che neppure i peggiori videogame da bar, attori “corretti” digitalmente per uniformarli a quelli vettorializzati delle scene d’azione. Milla ce la mette tutta, ma qui c’è poco da fare. In questo mondo futuro abbiamo gli “emofagi” (uomini contagiati da un virus, frutto di esperimenti militari, fuori controllo) e i sani. Gli emofagi, vampiri del futuro, capitanati dalla nostra, sono stati emarginati e decimati. I superstiti organizzano la resistenza, e Milla è in cerca della cura. Il resto, fino al trito colpo di scena in chiusura, non ve lo racconto, già il film è ignobile, non voglio rovinarvi anche il finale nel malaugurato caso vogliate vedere 'sta roba. Al finale si giunge dopo un “ammuzzo” di combattimenti, inseguimenti, esplosioni, sparatorie, duelli in cui la nostra neo vampira vince con facilità, mentre i suoi abiti e i suoi capelli, per un motivo che non mi è chiaro, cambiano di colore. Insomma, non dite che non vi ho avvertito.

[Ultraviolet (USA 2006) Regia Kurt Wimmer Con Milla Jovovich, Ida Martin, Sebastien Andrieu, Nick Chinlund, Cameron Bright ]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!