Remigio Venuti, il conciliatore

 

Ha messo d’accordo i 69 Comuni di tutti i colori politici dell’area PIT 9, riuscendo ad attingere ad ingenti risorse comunitarie. Perchè non ripartire da questa esperienza per lavorare sulla costruzione del Partito Democratico?

Il sindaco di Casarano, il diessino Remigio Venuti, è un politico atipico: non è un grande comunicatore, si esprime con un linguaggio molto tecnico e non lo si vede spesso “in piazza” a offrire caffè e scambiare due chiacchiere con i compaesani. Militante comunista sin da ragazzo, sposato, medico veterinario, vicesindaco prima e da sette anni sindaco della sua città, si è trovato ad affrontare la crisi epocale del tessile, e soprattutto del calzaturiero, in quella che, della produzione manifatturiera “made in Italy”, è una delle tre/quattro località simbolo in Italia. La strategia di Venuti per dominare questo processo irreversibile è un esempio di lungimiranza e di convinto europeismo. Esponendosi alla critica dei compaesani, di chi avrebbe preferito interventi “simbolici” e immediati, ha lavorato per fare di Casarano il catalizzatore dei principali finanziamenti comunitari dell’intero Salento. Consapevole che la ripresa economica non potesse prescindere da rilevanti investimenti in infrastrutture, ha messo d’accordo 69 Comuni di tutti i colori politici, riuscendo ad attingere ad ingenti risorse comunitarie per la costruzione di strade e autostrade virtuali, formazione d’eccellenza, servizi. Guardando al triste destino di tante micro imprese familiari del comprensorio, ha puntato tutto sulle sinergie tra imprese e su una loro forte spinta all’innovazione. Anche su queste basi è nato il PIT 9 che di recente ha ammesso a finanziamento 13 consorzi di aziende che beneficeranno di complessivi 25 milioni di euro. Fiore all’occhiello di questo colossale impegno di programmazione è la costituzione di Area Sistema, consorzio di 15 Comuni con Casarano capofila. In un basso Salento sottorappresentato nelle Istituzioni provinciali e regionali, l’opinione del Golem è che Venuti, anche in vista della programmazione 2007-2013, dovrebbe promuovere un’iniziativa di confronto tra personalità politiche del territorio per individuarne le concrete esigenze. Con personalità come Ria, Fasano, Casciaro, Antonica, Musio, perché non tentare dall’estremo tacco d’Italia un embrione del partito democratico?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Mario Maffei

Giornalista professionista

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!