Peacekeeping: primo incontro

“Noi, i guardiani della pace”

“We, the Peacekeepers”, è il titolo della conferenza organizzata dalla Base Logistica delle Nazioni Unite che si terrà a Brindisi il 20 ottobre. In programma temi sulla formazione e sulle modalità di intervento per tutte le forze militari alle prese con le operazioni di pace

La Base Logistica delle Nazioni Unite di Brindisi (UNLB) organizza in collaborazione con il comune di Brindisi la prima conferenza sul Peacekeeping. L'evento si svolgerà il prossimo 20 ottobre presso il Palazzo di Città di Brindisi, Salone “M. M. Guadalupi” alle 17. Presenterà la conferenza, Stephen L. Lieberman, direttore amministrativo UNLB. Interverranno per inaugurare i lavori: Domenico Mennitti, sindaco di Brindisi, Michele Errico, presidente della Provincia di Brindisi, Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, Michele Saponaro, comandante della Forza da Sbarco della Marina Militare Italiana, Edoardo Russo, comando Provinciale Arma dei Carabinieri di Brindisi. Dopo il saluto delle autorità, i lavori, moderati da Mimmo Consales, giornalista, si apriranno con gli interventi di Marcello Strazzeri, preside della facoltà di Scienze sociali, politiche del territorio dell’Università degli Studi di Lecce su “Teoria e prassi della formazione del personale per le attività di Peacekeeping”, del Capitano di Fregata Fabrizio Maltinti, Forza da Sbarco della Marina Militare Italiana su “La partecipazione della Forza da Sbarco nelle operazioni di Peace Support”, del Maggiore Gennaro Ventriglia, Comando Provinciale dell'Arma dei Carabinieri di Brindisi su “L'M.S.U. (Multinational Specialized Unit) e l'Arma dei Carabinieri. Esperienze Operative”, di Leonardo Bencini, della direzione generale Affari politici e multilaterali, Ministero degli Affari Esteri, su “Il ruolo dell'Italia nelle operazioni di pace”. Concluderà Anis A. Bajwa, director of Change Management New York.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!