Master in Integrazione dei diversamente abili: prorogata l’iscrizione

C’è tempo fino a giovedì 19 ottobre 2006 per iscriversi al Master di II livello in “L’integrazione dei diversamente abili nella scuola e nella società complessa”

L’Università di Lecce ha riaperto i termini di presentazione delle domande di iscrizione al Master Universitario di II livello in “L’integrazione dei diversamente abili nella scuola e nella società complessa”

Attivato per l’anno accademico 2005/2006 con la partecipazione della facoltà di Lettere e Filosofia, del dipartimento di Filologia classica e di Scienze filosofiche e con la sede dell’ANSI (Associazione Nazionale Scuola Italiana) di Taranto, il Master, che intende fornire competenze formative per la convivenza nelle istituzioni scolastiche e non con i diversamente abili, prevede trecento ore di lezioni frontali, seminari e giornate di studio. Le lezioni sono articolate in moduli didattici di quattro ore ciascuno che riguarderanno i settori: pedagogici; tecnologici; sociologici; psicologici; didattici; terapeutici. Gli sbocchi professionali del Master sono numerosi e molteplici come l’insegnamento; la dirigenza nelle pubbliche amministrazioni; dirigenti, responsabili ed esperti delle risorse umane; dirigenti, responsabili ed esperti della comunicazione istituzionale; dirigenti, responsabili ed esperti in siti web istituzionali. Al Master, inoltre, che dà diritto all’acquisizione di 60crediti formativi universitari (CFU), può accedere chi sia in possesso di laurea quadriennale (vecchio ordinamento) o specialistica (nuovo ordinamento) in qualsiasi disciplina. Il master prevede un numero minimo di 40 studenti iscritti che avranno l’obbligo della frequenza. La quota di iscrizione al master ammonta a 1.500 euro. La domanda di iscrizione al Master dovrà essere presentata entro giovedì 19 ottobre; il bando ed ulteriori informazioni sono pubblicate nel sito internet www.unile.it alla pagina Bandi & Concorsi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!