Università: tempo di master

L’ateneo leccese in punta sulla formazione professionale

Al via i master di primo livello dell’Università di Lecce in “Criminologia clinica e psicopatologia forense” ed in “Letteratura e mediazione culturale”

L’Università di Lecce ha pubblicato il bando di ammissione al master di primo livello in “Criminologia clinica e psicopatologia forense”. Il master mira a far acquisire competenze nel settore della prevenzione e del trattamento dei comportamenti a rischio e devianti e della riabilitazione psico-sociale per qualificare professionalità da inserire presso istituzioni pubbliche, organizzazioni del privato sociale ed in ambito giudiziario e penitenziario. Con durata annuale, per un totale di1500 ore, di cui il 20% riservato all’insegnamento e l’80% allo studio personale ed all’esperienza guidata, il master prevede l’attribuzione di 60 crediti formativi. Possono accedervi al massimo 70 alunni, laureati di qualsiasi disciplina in possesso di laurea triennale o quadriennale. Il 10% dei posti disponibili è riservato al personale tecnico amministrativo dell’ateneo salentino. I seminari saranno incentrati sui seguenti temi: “Aspetti criminologici e medico-legali delle tossicodipendenze”, “Il minore autore di reato”, “Il malato di mente autore di reato” e “Lo studio del caso in criminologia”. È prevista attività formativa di laboratorio nei seguenti settori: “La perizia in criminologia”, “Balistica forense” ed “Emogenetica forense”. Inoltre gli studenti avranno la possibilità di svolgere degli stages presso gli uffici giudiziari, i servizi penitenziari per minorenni e per adulti, di riabilitazione psico-sociale, e presso laboratori di criminalistica e di tossicologia forense. La frequenza del Master è obbligatoria e per il conseguimento del titolo è previsto il superamento di una prova finale. La domanda di ammissione dovrà essere presentata entro lunedì 6 novembre 2006. Il bando di ammissione al master e la domanda di partecipazione sono disponibili nel sito www.unile.it. E’ stato inoltre pubblicato il bando di ammissione al master di secondo livello in “Letteratura e mediazione culturale”, promosso e organizzato dal dipartimento di Filologia, Linguistica e Letteratura e dalla facoltà di Lingue e Letterature Il Master intende offrire la conoscenza approfondita degli strumenti culturali, organizzativi e tecnico-operativi necessari per l’inserimento attivo e responsabile dei giovani nel mondo dell’editoria, dell’informazione e della comunicazione digitale. Al fine di formare personale altamente professionalizzato, in grado di interagire con la differenziazione dei mezzi di diffusione del sapere e con i cambiamenti del gusto e degli orientamenti ideali del pubblico, si intendono creare competenze fondate sulla sintesi di cultura umanistica, capacità di gestione e perizia nell’utilizzazione della tecnologia e dell’informatica. Tali competenze consentono di operare con compiti progettuali, organizzativi e gestionali nell’ambito editoriale, giornalistico e dei servizi culturali. Il corso ha durata annuale e prevede un impegno complessivo di 1500 ore, di cui 140 di lezioni frontali; le restanti saranno ripartite tra esercitazioni, prove in itinere, seminari, conferenze, tirocini, autoapprendimento, stages in case editrici e aziende del settore e preparazione della prova finale, consistente in un elaborato originale sui temi trattati durante il corso. L’attività didattica si articola in lezioni settimanali, oltre all’eventuale partecipazione a seminari e conferenze, ai quali potranno essere invitati, in qualità di relatori, docenti di altre facoltà o di altre università o esperti esterni. La frequenza è obbligatoria.. La domanda di ammissione dovrà essere presentata entro lunedì 6 novembre. Il bando e le indicazioni per l’iscrizione al master sono disponibili presso la segreteria del master (dipartimento di Filologia, Linguistica e Letteratura dell’Università di Lecce – sig. Luigi Vergine, tel. 0832296461; fax 0832305497) e nel sito www.unile.it.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!