Semafori dissuasori: passa chi lo merita

Luce rossa a chi non rispetti i limiti di velocità all’ingresso di Casarano

Speciali dispositivi semaforici sono stati collocati all’entrata di Casarano dalle vie di Supersano, Matino e Taurisano. I radar misurano la velocità dei veicoli; transito concesso solo a chi rispetta i limiti

Nei giorni scorsi, sono entrati in funzione i semafori dissuasori di velocità. In via Matino, via Supersano e via Taurisano l’amministrazione comunale ha installato questi speciali impianti semaforici in grado di controllare la velocità dei veicoli in ingresso nel centro abitato. Per tentare di risolvere il problema della moderazione della velocità del traffico veicolare in prossimità del centro abitato, questa tecnologia si avvale di un sistema elettronico costituito da un radar, montato sulla palina semaforica, posta a valle della medesima direttrice di marcia dei veicoli in ingresso in città, il quale esegue continuativamente il controllo della velocità dei veicoli stessi, permettendone il transito a quelli che osservano la velocità massima consentita, con una garanzia di un reale margine di sicurezza stradale e la prevenzione di potenziali incidenti. “I semafori, in sostanza – spiega Giuseppe Morgante, assessore comunale alla Viabilità,– consentono il transito solo a quei veicoli che rispettano i limiti di velocità consentiti mentre, nel contempo, la centralina provvederà a bloccare, con la luce di colore rosso, i veicoli che sono registrati con una velocità superiore a quella consentita”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!