Cambio ai vertici del Cna

Un nuovo direttore per crescere e rafforzarsi sul territorio

Marcello De Giorgi è il nuovo segretario/direttore generale del Cna-Lecce. Subentrato a Giovanni Merchich, terrà l’operato di questi come punto di partenza per l’associazione

È Marcello De Giorgi il nuovo segretario/direttore generale del Cna-Lecce (Confederazione Nazionale Artigianato). Subentrato all’uscente Giovanni Merchich, il quale dopo anni di attività sul territorio provinciale ha ricevuto l’incarico di proseguire il suo operato presso la sede regionale, il neo direttore di Cna Lecce, ha così commentato la sua nomina: “Anzitutto intendo ringraziare il presidente Pasquale Rescio e tutti i componenti il direttivo per la fiducia accordatami e devo dire che sono orgoglioso per il nuovo incarico e sono anche consapevole dell’impegno che esso comporta anche in prospettiva del nuovo corso che Cna Lecce intende avviare. Insieme al presidente Pasquale Rescio – ha continuato De Giorni – ed agli altri componenti la direzione stiamo lavorando affinché Cna Lecce possa crescere e rafforzarsi sul territorio per offrire sempre migliori e più puntuali servizi ai propri associati. Inoltre è nostra volontà porre particolare attenzione alla creazione di nuove sinergie ed al rafforzamento di quelle già esistenti, con le altre associazioni di categoria, i sindacati e le istituzioni, al fine di creare un sistema forte e vasto che sia in grado di supportare e tutelare le imprese da noi tutti rappresentate. In questa fase di riorganizzazione terremo conto dell’operato di chi mi ha preceduto, partendo da questo per migliorare e potenziare l’associazione. Con l’occasione invito chiunque sia interessato anche semplicemente ad avere informazioni riguardo i servizi di Cna Lecce a contattarci al numero 0832.306877-8 o venire a trovarci di persona presso la sede di via Brunetti a Lecce, perché siamo consapevoli del fatto che per migliorarci abbiamo bisogno di approfondire il rapporto con gli artigiani, le piccole medie imprese, insomma con tutte le figure professionali che con il loro operato contribuiscono alla crescita del nostro territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!