Al MiArt, la Cina in Italia

Gallerie “made in Cina” alla fiera d'arte di Milano

MiArt 2006, la fiera internazionale di arte moderna e contemporanea che si tiene a Milano, dedica, con il Progetto Cina, uno spazio espositivo alle opere artistiche cinesi

Alla conferenza stampa di Shangai del 15 settembre scorso assieme alle autorità cinesi più importanti hanno partecipato Letizia Moratti, sindaco di Milano e Michele Perini, presidente di Fiera Milano Spa, il quale ha parlato anche delle iniziative promosse dalle società consociate, quali Fiera Milano International. E proprio MiArt 2006, una delle più importanti manifestazioni fieristiche dedicate all’arte moderna e contemporanea, ha voluto per prima gettare un ponte verso la cultura cinese, ospitando questo Paese, protagonista di una crescita economica, sociale e culturale senza precedenti. Un messaggio di grande vitalità, subito accolto e valorizzato da MiArt attraverso diverse iniziative. Il progetto Cina si è concretizzato in due macro-eventi: una selezione tra le più significative gallerie che operano in Cina per offrire uno spaccato del suo vivace e ancora poco noto contesto artistico; la tavola rotonda, coordinata da Hans Ulrich Obrist, dal titolo “Cina intra/extra Ovest” a cui sono intervenuti artisti, curatori e collezionisti che vivono e lavorano tra la Cina e l'Occidente. Il progetto ha riscosso un enorme successo e ha destato l’interesse di addetti ai lavori, collezionisti e appassionati d’arte che hanno avuto l’opportunità di esplorare l’effervescente clima culturale cinese. Un omaggio che MiArt ha voluto rendere alla Cina e a Chen Zen, artista che, con le parole di Pasquale Leccese, “ha saputo operare una sintesi tra arte occidentale e arte globale”: un segnale forte di apertura e incontro tra diverse tradizioni culturali che sempre più si trovano a interagire insieme.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!