Poli: “Primarie, un fallimento”

Poli Bortone contro l’allargamento del voto per le primarie ad immigrati e diciassettenni

Secondo, il primo cittadino di Lecce, concedere il voto a chi non ne ha diritto è come falsare all’origine il risultato elettorale: ecco perché, secondo lei, le elezioni sono destinate al fallimento

Tempo di Primarie. Sono state ufficializzate le modalità di voto delle elezioni con cui le forze politiche del centrosinistra domenica prossima sceglieranno il candidato sindaco per le amministrative del prossimo anno. Chiamate dall’amministrazione comunale ad un incontro per regolamentare lo svolgimento delle stesse elezioni, le forze politiche del centrosinistra hanno scelto la strada dell’autorganizzazione. E Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, così commenta la loro decisione: “Hanno preferito l’autorganizzazione all’invito dell’amministrazione comunale di sedersi tutti intorno ad un tavolo e fissare delle regole. Hanno strutturato in un certo modo questo appuntamento elettorale anche con la previsione di spese rilevanti, fuori dalla normalità. L’estensione del voto agli immigrati e ai diciassettenni, decisa dai segretari provinciali dei partiti, e non da una normativa nazionale, appare un fatto esilarante. Il centrosinistra – continua Poli Bortone – sa bene che al voto non andranno 15mila cittadini, ipotesi che darebbe un senso alle Primarie, e per questo concede il voto a chi questo diritto non lo ha. È come falsare ab origine il risultato elettorale. Ciò rende già le primarie un fallimento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!