E’ tempo di DiGi scuola

Firmato l’accordo tra Giuseppe Fioroni, ministro della Pubblica istruzione, e Luigi Nicolais, ministro per le riforme e l’innovazione nella pubblica amministrazione

Per le scuole del Mezzogiorno, una vera rivoluzione tecnologica per il nuovo anno scolastico al fine di sviluppare l’utilizzo delle nuove opportunità multimediali

DiGi scuola, un progetto finanziato dal Cipe che durerà otto mesi e che coinvolge oltre 550 scuole superiori di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Molise, Sardegna e Sicilia. Una vera rivoluzione tecnologica per studenti ed insegnanti. Sul portale www.digiscuola.it saranno disponibili contenuti didattici digitali, concepiti per integrare la tradizionale attività di insegnamento, dove i docenti potranno scegliere liberamente – nell’ambito dell’autonomia scolastica – il materiale più adatto alle esigenze della classe e dei singoli studenti. È possibile accedere al progetto anche dal portale del Ministero della Pubblica istruzione, www.istruzione.it. La collaborazione prevede la fornitura di materiale tecnologico – pc, lavagne interattive multimediali, proiettori digitali – alle scuole aderenti e attività di formazione e assistenza per i docenti. La lavagna multimediale consentirà di trasformare le aule tradizionali in veri e propri laboratori interattivi. «Vogliamo portare la scuola italiana – commenta Fioroni – a raggiungere gli standard educativi europei».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!