Siluro nel mare di San Cataldo

Ritrovato un residuato bellico lungo circa tre metri e largo quarantacinque centimetri. Dopo la fase di recupero si procederà alla distruzione dell’ordigno carico di esplosivo

A dare l’allarme un sub professionista, che nei fondali del mare di San Cataldo si è accorto della presenza del siluro e ha subito avvisato la Capitaneria di porto di Otranto

Probabilmente risale alla seconda guerra mondiale il residuato bellico rinvenuto nelle acque del mare di San Cataldo a circa dieci metri di profondità. Spesso il canale di Otranto, infatti, è stato teatro di operazioni di guerra, come testimoniano gli altri ritrovamenti bellici che riguardano bombe e proiettili inesplosi. Ma spetta agli artificieri che lo analizzeranno stabilire la sua effettiva provenienza. Secondo procedura, la zona è stata subito messa sotto sorveglianza, dopo che una motovedetta della Capitaneria di Otranto ha raggiunto il punto interessato. Si procederà poi alla distruzione dell’ordigno carico di esplosivo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!