Un tutor per gli immigrati

Luigi Melica, docente presso l’ateneo salentino, concorda sull’inserimento graduale e consapevole degli immigrati attraverso un mediatore culturale

L’idea nasce dalla consapevolezza che gli immigrati hanno bisogno di un punto di riferimento nella nuova società .I tutor dovrebbero svolgere questo compito nei primi anni di soggiorno degli extracomunitari.

Riguardo al dibattito sull’integrazione sociale degli immigrati nel nostro Paese e sulla proposta di affidarli a un tutor che li accompagni per un determinato periodo, si è espresso Luigi Melica, docente di Diritto pubblico comparato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’università di Lecce. «Negli uffici immigrazione istituiti dagli enti locali più sensibili – ha affermato – i mediatori culturali, di fatto “seguono” le sorti di numerosi loro connazionali supportandoli non solo nei rapporti con gli uffici che erogano i servizi di prima necessità, ma anche con il datore di lavoro, con chi affitta loro l’abitazione e con tutti coloro i quali hanno con essi rapporti stabili». Per realizzare questa proposta, Melica ritiene fondamentale che lo stato elabori un progetto di accoglienza ben definito, attraverso l’investimento delle risorse necessarie per far conoscere, apprezzare e rispettare agli immigrati le norme vigenti nel nostro Paese. Ed il tutor in questo contesto è un indiscusso punto di riferimento soprattutto nei primi anni soggiorno, in quanto contribuisce alla formazione e all’integrazione consapevole degli extracomunitari a lui affidati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!