Ulivi, un patrimonio da tutelare

Alberi millenari che raccontano la nostra storia, gli ulivi possono essere considerati dei veri e propri monumenti, immagine e scrigno della nostra identità meridionale e mediterranea

Le sezioni territoriali del Fondo ambiente Italia (Fai) di Lecce, Brindisi, Taranto hanno promosso una campagna di sensibilizzazione per salvaguardare, valorizzare e promuovere l’albero-simbolo della Puglia

Si chiama “Progetto di tutela e valorizzazione dei paesaggi degli ulivi”, la campagna promossa dalle sezioni territoriali di Lecce, Brindisi, Taranto del Fondo ambiente Italia (Fai) finalizzata «ad attivare soprattutto in Puglia una legge di tutela delle piante secolari, al centro di un fiorente mercato illegale che sottrae periodicamente al territorio gli ulivi destinati ad abbellire le ville di altre zone del Paese o dell’estero». Sulla scia di quanto ha già fatto la Basilicata, anche la Puglia ha preso posizione in materia di tutela degli ulivi. Michele Losappio, assessore all’ecologia, Massimo Ostilio, assessore al turismo, Angela Barbanente, assessore all’assetto del territorio e Enzo Russo, assessore alle risorse agroalimentari hanno presentato un disegno di legge che integra sia la tutela che la valorizzazione di queste piante secolari. Ogni ulivo verrà schedato e sottoposto a vincolo paesaggistico, per cui saranno vietati e puniti con pesanti sanzioni gli espianti e la commercializzazione. Prevista una speciale menzione di “olio extravergine degli ulivi secolari di Puglia”, che potrà essere adottata da produttori che ottengono l’olio extravergine da ulivi e uliveti monumentali. «Oggi – ha detto Nichi Vendola, presidente della regione Puglia – scriviamo una pagina davvero importante dei quel capitolo che potremmo chiamare “agri-cultura”, cioè la possibilità, non retorica, di intendere il rapporto che vi è tra la forza produttiva delle nostre campagne e il retroterra storico culturale dei nostri campi in cui affondano insieme alle radici degli ulivi anche quelle della nostra identità meridionale e mediterranea».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!