Processione in finibus terrae

Il santuario di S.M. di Leuca diventa in questi giorni meta di pellegrini e devoti

E'la festa della Madonna Assunta per la quale un tempo i salentini percorrevano a piedi molti chilometri in segno di devozione, per sciogliere un voto o chiedere la grazia.

Da sempre meta di infiniti pellegrinaggi da tutto il Salento il Santuario di Santa Maria di Leuca è in festa per la sua Madonna. Il Santuario che domina la punta estrema del tacco d'Italia proprio nel punto in cui si incontrano l'Adriatico e lo Ionio, ospita migliaia di pellegrini nell'arco di tutto l'anno e custodisce una splendida statua della Vergine. I riti religiosi hanno inizio domenica 13 a cura della Parrocchia Cristo Re della Marina di Leuca con una processione per vie della località. La mattina di lunedì 14, intorno alle 7, il piazzale del Santuario accoglie i pellegrini della “Marcia della pace” che, come ogni anno, parte da Alessano, paese natale di Don Tonino Bello, il Vescovo di Molfetta uomo di pace molto caro ai salentini, dove si svolge la celebrazione della messa all'aperto. Alle 20 si snoda invece dal Santuario l'intorciata, la processione con le fiaccole, per andare incontro ai fedeli provenienti dalla Marina di Leuca. Martedì 15, intorno alle 16.30, salpa dal porto di Leuca la processione a mare con la statua della Madonna che arriva fino all'insenatura di San Gregorio, marina di Patù per poi fare ritorno al porto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!