Carte false

Segnalazioni di truffe con false lettere con richiesta di coordinate bancarie: i cittadini si rivolgono allo “Sportello dei Diritti”

Lo “Sportello dei Diritti” della Provincia di Lecce la cui delega è stata assegnata all’assessore al Mediterraneo Carlo Madaro, riceve quotidianamente segnalazioni e lamentele di cittadini truffati.

Alcuni cittadini salentini si sono visti recapitare in questi giorni false lettere dell'Agenzia delle Entrate con cui vengono richieste ai contribuenti le coordinate bancarie e gli estremi (fotocopia) della carta d'identità e del codice fiscale. Il contenuto della lettera truffaldina inizia così: “Gentile Contribuente, il controllo automatico … ha evidenziato che i conteggi relativi ai dati dichiarati sono risultati inesatti, si è riscontrata una eccedenza di versamenti …”. La carta intestata con il vecchio logo dell'Agenzia, un linguaggio tecnico, per una comunicazione che, in qualche maniera nei contenuti, ricorda veri avvisi dell'Amministrazione finanziaria: “Le suggeriamo di compilare i dati sottodescritti e inviare urgentemente la presente comunicazione al numero di fax …….” . In sostanza, il tentativo di raggiro consiste nell'invitare il contribuente ad autorizzare l'Agenzia a effettuare un bonifico bancario su un conto corrente di cui si chiede il numero, il codice Abi, il Cab, il nome della banca, l'indirizzo e quant'altro. Di quest'ultima modalità di tentata truffa a scapito dei contribuenti lo “Sportello dei Diritti” informerà le Autorità di polizia competenti per le opportune indagini. Come sempre, in ogni caso, s'invitano tutti coloro che dovessero essere oggetto di tali tentativi di raggiro – o, quantomeno, ne venissero a conoscenza – a darne immediata notizia. L’Assessore Carlo Madaro nel rammentare che è possibile effettuare qualsiasi tipo di operazione economica in tutta sicurezza seguendo le opportune cautele, invita tutti i cittadini a prestare attenzione ed a segnalare nel più breve tempo possibile ogni episodio penalmente rilevante al fine di poter perseguire più efficacemente i colpevoli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!