Taglio alle istituzioni

Poli Bortone: «bastano poche istituzioni snelle e con competenze precise»

Il sindaco di Lecce, circa il dibattito sulle eventuali riforme istituzionali, propone una significativa riduzione di enti per la realizzazione di un efficiente sistema svincolato da un eccessivo burocratismo e da un inutile spreco di denaro pubblico

«Dopo la sbornia di pseudo-decentramenti, assemblearismi e strumenti cosiddetti partecipativi, non sono più procrastinabili le riforme degli enti locali». Così sostiene Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, riguardo le possibili riforme istituzionali. «Oggi – prosegue il primo cittadino – non sono più concepibili sovrapposizioni di competenze con relativo spreco di denaro pubblico. Si pensi a quanto costano i consigli comunali, i consigli provinciali con le rispettive giunte, i consigli circoscrizionali con i presidenti e i consiglieri retribuiti, ma anche gli Ato (Ambiti territoriali ottimali) delle acque e dei rifiuti, le comunità montane, le unioni dei comuni, con i relativi consigli d’amministrazione, anch’essi tutti retribuiti. Cosa resta per i servizi ai cittadini è tutto da vedere. Non si può invocare l’Europa con i suoi input di sburocratizzazione e continuare a tenere in piedi un vero e proprio pullulare di tanti organismi. Credo – conclude Poli Bortone – che una riforma urgentissima a cui mettere mano dovrebbe essere proprio questa, essendo trascorsi più di trent’anni dall’assemblearismo sessantottino. Serietà oggi impone di avere poche istituzioni snelle e con competenze ben precise. Ritengo che le province, ad esempio, possano tranquillamente essere abolite».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!