Mad in Salento for Durazzo

il mad in salento sbarca a durazzo. tre giorni e tre notti di ordinata follia per scoprire una terra pronta ad accogliere chi ha voglia di uscire dai soliti itinerari

E’ Mad in Salento for Durazzo, un grande incontro di esperienze e culture che travalicano i confini e uniscono i ragazzi, nel nome della legalità e dei valori positivi. L’iniziativa, ideata e realizzata da Prefettura di Durazzo, Agenzia per il Patrimonio Culturale Euromediterraneo, Comune di Lecce e Associazione Integra, fino al 12 agosto trasformerà la città albanese in un grande e unico palcoscenico.

Per tre giorni e tre notti, il lungomare di Durazzo si trasformerà in un grande palcoscenico che ospiterà una serie di iniziative dedicate ai giovani e alla loro creatività che spazieranno dai concerti alle mostre fotografiche, dalle gare sportive alle performance di writers e graffittari. La musica, in particolare, sarà il filo conduttore della manifestazione, che consentirà ai partecipanti di partire idealmente da Durazzo per arrivare nel cuore dei Balcani, da una parte, ed in quello del Salento, dall’altra. Un filo invisibile ma forte, resistente e collaudato nel tempo, che unisce Italia e Albania, le loro istituzioni ed i loro popoli – al di là dal mare e dei pregiudizi politici – consentendo di ritrovare le radici di ognuno nelle culture vicine. L’evento si pone sulla scia tracciata dal “Mad in Salento”, grande meeting dei giovani voluto a Lecce dal 1 al 4 giugno dall’Amministrazione Comunale del capoluogo salentino, che si pone come capofila ideale nell’esportazione del Festival nei territori dei Balcani e nel bacino del Mediterraneo. Ogni sera, gruppi musicali albanesi e italiani, dj italiani ed albanesi, artisti italiani ed albanesi – come Opa Cupa, Après la Classe, Nidi d’Arac, Nora Istrefi, West Side Family, I TRE TENORI, TINGULLI 3 – avranno l’opportunità di esibirsi e confrontarsi, dando vita a performance uniche e trascinanti. Intorno a loro, una fiera espositiva dei prodotti e dell’artigianato dei Balcani e del Salento. L’evento, grazie alla collaborazione tra Studio 100 TV (Lecce), SAT + e KLAN (Albania) raggiungerà anche la Piazza Sant’Oronzo di Lecce ed il Castello di Otranto. Entrambi infatti ospiteranno un maxischermo sul quale verranno proiettate le immagini della festa sul Lungomare di Durazzo. Ampio il programma culturale che prevede visite della città antica ed alle bellezze del patrimonio archeologico di Kruja e della stessa Durazzo. È inoltre in calendario una mostra di dipinti e foto dedicata alla città ospitante, una rassegna del cinema albanese (organizzata in collaborazione con ART PROMOTION) e numerose altre proposte artistiche. Un concorso d’arte, poi, organizzato in collaborazione con la Scuola Superiore d’Arte “JAN KUKUZELI” premierà il più bel murales tra quelli che verranno realizzati per rivitalizzare e riqualificare la zona portuale della città albanese, la stessa che sarà teatro della manifestazione. Anche lo sport occupa un ruolo fondamentale nell’ambito degli appuntamenti della manifestazione. Sono infatti previsti una maratona di nuoto, partite di basket e di calcio tra ragazzi albanesi e ospiti italiani. Il Centro Turistico Studentesco, per l’occasione, offre interessanti pacchetti viaggio, che includono visite alle rovine di Durazzo e a centri limitrofi di importanza storico-culturale e turistica, itinerari per scoprire la gastronomia biologica locale, e visite agli antichi bazar della zona. L’evento sarà ripreso da un gruppo di giovani studenti albanesi, che – con la collaborazione di TEUTA TV (Durazzo) e A&C GROUP (Lecce) – realizzeranno il DVD promo istituzionale dell’evento; l’autore del filmato che verrà scelto, potrà usufruire di uno stage formativo in Italia. La manifestazione fornirà, infine, l’occasione per creare a Durazzo una radio con una doppia redazione, una a Durazzo presso la sede della TEUTA TV, ed una a Lecce presso la sede dell’Agenzia per il Patrimonio dell’Euromediterraneo. Una radio bilingue che, grazie anche alla collaborazione con i mediatori culturali di INTEGRA O.N.L.U.S., avrà una doppia redazione, e lo scopo di avvicinare ancora di più le due culture e le due sponde dell’Adriatico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!