Silenzio! devo dormire…..

Quando divertirsi diventa un crimine.

Vai col karaoke “E noi villeggianti non dormiamo” (Nuovo Quotidiano di Puglia 29/07/2006 pag. 11)

Quando capiremo che la soluzione è e rimane la tolleranza. Se il mio vicino di casa mi 'disturba' piuttosto che lamentarmi dovrei chiedermi in quale occasione il mio comportamento disturba lui. Capisco, anche a me piace alzarmi presto la mattina, chi è disturbato dalla musica che si diffonde tutte le sere dai tanti luoghi di ritrovo ma non copmprendo come si possa pensare di chiederne il silenzio. Se otteniamo che la musica non disturbi nessuno la sera, qualcuno potrebbe chiedere di 'fermare' i camion dei rifiuti che disturbano sicuramente chi vuole dormire a lungo la mattina, cosa dire poi delle campane delle chiese che 'attaccano' alle sei del mattino? Prima di lamentarsi bisognerebbe sempre chiedersi che cosa abbiamo fatto noi per non incontrare il problema. Se scelgo di villeggiare, o di abitare, nei pressi di locali notturni, o anche solo se non mi informo sulla loro vicinanza, non posso lamentarmi poi del loro 'effetto' sulla mia serenità.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!