Pit9: ecco le opportunità

I risultati: un portale sul Pit9 e la connessione Adsl nelle zone industriali

In un incontro che si è svolto nella sala convegni del Cisi, presso la zona industriale di Casarano, Silvio Astore, sindaco di Poggiardo, e Remigio Venuti, sindaco di Casarano, hanno illustrato ai primi cittadini degli altri Comuni dell’area del Pit 9 tutte la opportunità che il Progetto offre al territorio salentino-leccese

Il Polo Tecnologico, la Larga Banda le decine di “azioni” che serviranno a superare il gap tecnologico che ancora frena lo sviluppo delle imprese e l’efficienza delle strutture pubbliche salentine. I tecnici dell’Ufficio del “Pit 9” hanno illustrato l’altro ieri ai sindaci dei Comuni aderenti al progetto integrato, denominato “Territorio Salentino-leccese”, le numerose opportunità di finanziamento per rilanciare il settore manifatturiero del territorio. L’incontro, che si è tenuto nella sala convegni del Cisi, presso la zona industriale di Casarano, è stato presieduto dal sindaco di Poggiardo, Silvio Astore, presidente dell’Assemblea dei comuni del Pit 9; dal sindaco di Casarano, comune capofila del Pit 9, Remigio Venuti. Le relazioni sono state curate dal consulente tecnico Umberto Vitali e da Caterina Mastrogiovanni, responsabile dell’Ufficio unico del Pit 9. Mastrogiovanni ha illustrato lo stato di attuazione del Pit 9, per il quale è previsto lo stanziamento di risorse pubbliche, a carico del Por 2000-2006 della Regione Puglia, per un importo complessivo di 54.265.929,00 euro. La responsabile dell’Ufficio unico ha fornito chiarimenti e precisazioni agli amministratori locali presenti, dando conto delle “misure” (i capitoli di intervento) già attivate, di quelle in itinere e di quelle di prossima ed imminente attuazione. Tra le misure già attivate, la relatrice ha rivelato che nell’ambito dello strumento del “Programma Integrato di Agevolazioni” (Pia) sono stati presentati progetti nei settori calzature, moda, mobili, filiera del freddo ed alimentare, energie rinnovabili, formazione, comunicazione e dell’Ict based (sicurezza informatica, sistemi wireless ecc.). Vitali ha invece illustrato i principali progetti del Pit 9. Tra questi, il Polo Tecnologico che si propone di svolgere il ruolo di soggetto intermediario con le imprese per soddisfare le esigenze di sviluppo tecnologico. La Larga Banda è un altro intervento importante, ritenuto sperimentale, che ha l’obiettivo di fornire servizi internet Adsl alle aree industriali di Casarano, Matino e Collepasso. L’idea di massima del progetto, che prevede una spesa di € 700.000 realizzabile in sei mesi, utilizzerebbe la tecnologia WiMax elaborata con il supporto di Infratel e Tecnopolis. Il progetto si integra ed amplifica l’impatto del progetto complessivo della Regione e può diventare un modello da proporre in altri siti periferici non raggiunti direttamente dalla rete Adsl.

Leave a Comment