L’Italia va a Berlino

120 minuti col fiato sospeso. Poi la grande gioia

Grosso e Del Piero all’ultimo minuto dei supplementari. E la partita si ferma prima dei rigori. L’Italia batte la Germania ed ora si gioca il titolo del mondo con la Francia. Intanto esplode la festa in tutta la Penisola

Urla, cori e caroselli per tutta la notte. Si è conclusa in euforia e baldoria, per l’Italia, la semifinale del Campionato mondiale contro la Germana. 120 minuti di gioco e poi la doppietta che porta la squadra azzurra direttamente a Berlino, dove, domenica prossima, si scontrerà con la vincente tra Francia e Portogallo. Fiato sospeso, schermi giganti e poi l’esplosione della festa per strade e piazze di tutta la Penisola (ma non solo; sono tantissimi gli italiani in Germania; solo allo stadio, ieri, se ne contavano 4mila). E del Salento, naturalmente. L’Italia ha convinto. Ed è per questo che la vittoria assume un sapore ancora più gustoso. Gli azzurri hanno conquistato il pass per la finalissima di Berlino. I due gol, di Grosso e Del Piero, sono arrivati all'ultimo minuto del secondo supplementare al termine di una gara sofferta ma nettamente dominata dal gruppo guidato da Marcello Lippi. Rigori scongiurati. Ed ora manca davvero poco. Per scaramanzia non si dice, ma si pensa: forse non è così impossibile per i nostri affermarsi campioni del mondo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!