Spiagge accessibili anche ai disabili

Lavori conclusi nelle marine di Lecce

Il Comune di Lecce ha ultimato ieri mattina le installazioni di accessi al litorale per i disabili

Sono state ultimate ieri mattina le installazioni di rampe e passerelle per l’accesso agli arenili da parte dei disabili lungo tutto il litorale leccese, nei punti di maggior frequentazione o laddove ci sono apposite istanze di cittadini. “Come accade da diversi anni – fa sapere Paolo Perrone, vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Lecce – con l’approssimarsi della stagione estiva l’amministrazione comunale provvede a fornire le spiagge delle strutture necessarie per favorire l’accesso al mare delle persone diversamente abili. Montaggio, manutenzione e rimozione di rampe e passerelle sono eseguiti con risorse proprie del Comune di Lecce”. A San Cataldo, sul lungomare, esistono tre rampe in lega leggera per un totale di 45 metri di discesa, un’altra rampa nella zona del Faro ed una passerella di 45 metri in un altro punto molto frequentato della marina. In località Torre Chianca sono state montate due passerelle in legno in prossimità degli accessi al mare esistenti in due vie principali del centro abitato. Le altre passerelle si trovano a Spiaggiabella (una di materiale pvc di 60 metri in via Porto Azzurro ed una in legno di 20 metri in via Ortona), a Torre Rinalda (due in legno di 25 metri) e a Casalabate (tre).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!