Ntisa Pariti vincono il torneo comunale

Il premio al settore Lavori Pubblici

I trionfatori del torneo di calcio a sei tra dipendenti comunali sono gli Ntisa Pariti, che si aggiudicano la vittoria ai calci di rigore, dopo una partita molto combattuta

Vittoria “di rigore” nella seconda edizione del torneo di calcio a sei dei dipendenti comunali per gli Ntisa Pariti (settore Lavori Pubblici), che giovedì sera nella finalissima disputata presso il complesso sportivo Itaparica (sulla Lecce-San Cataldo) hanno superato la formazione degli Sbilanciati (Ufficio Ragioneria) grazie alla lotteria dei tiri dagli undici metri. Molto combattuta la partita d’epilogo della manifestazione, che al termine dei cinquanta minuti di gioco ha visto le due finaliste ferme sul punteggio di 1 a 1, grazie alle marcature del vicesindaco Perrone per gli Ntisa Pariti (“zampata” in mischia nei primi minuti) e di Elia per gli Sbilanciati (direttamente su calcio di punizione a cinque minuti dalla fine). Punteggio di parità anche dopo i tempi supplementari e gara risolta proprio ai calci di rigore. Per gli Ntisa Pariti hanno realizzato Giliberti, Di Sabato ed Errico, mentre per gli Sbilanciati sono andati a segno Migali ed Elia, ma ha fallito il tiro decisivo Candido. La squadra del settore Lavori Pubblici del Comune di Lecce ha così potuto festeggiare la meritata vittoria in questa seconda edizione del torneo dei “comunali” di Palazzo Carafa. Nel corso della cerimonia di conclusione della manifestazione che si terrà nei prossimi giorni, verranno premiati dal sindaco Adriana Poli Bortone (oltre alla squadra vincitrice) il capocannoniere del torneo (Adriano Migali degli Sbilanciati, con 16 marcature), il portiere meno battuto (Antonio Mazzotta degli Sbilanciati, con 9 gol subiti) ed il miglior calciatore (Giuseppe Naccarelli degli Sbilanciati) e verrà assegnata inoltre la Coppa Fair Play (ai Recupero Coattivo – Ufficio Tributi).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!