Poli: “Ok a deleghe specifiche”

Poli scrive a Cirio

Lecce e Surbo più “vicine” dopo i reciproci affidi di deleghe. Adriana Poli Bortone si dice soddisfatta

“Sono lieta che abbia anche lei inteso affidare una delega per risolvere problemi comuni ai due enti locali”. Così in una lettera inviata ad Antonio Cirio, sindaco di Surbo, Adriana Poli Bortone, primo cittadino di Lecce, accoglie la comunicazione dell’affidamento da parte di Cirio al consigliere comunale di Surbo Vincenzo Cagnazzo del “compito di svolgere le funzioni di referente per il sindaco, relativamente ai rapporti da tenere con l’organo di direzione politica e tecnica del Comune di Lecce, per il superamento delle problematiche relative alla corretta fruizione dei servizi pubblici dei cittadini di Surbo, proprietari di fondi agricoli nell’ambito del Parco di Rauccio e di abitazioni nelle marine di Torre Rinalda e Spiaggiabella, site in agro di Lecce e quindi di competenza territoriale dello stesso Comune”. Cirio lo comunica a Poli Bortone con nota dello scorso 22 giugno. Questo affidamento, come la stessa nota puntualizza, segue quello che il sindaco Poli Bortone ha fatto al consigliere comunale Vittorio Solero del compito di svolgere le funzioni di referente per il sindaco, relativamente ai rapporti da tenere con l’organo di direzione politica e tecnica del Comune di Surbo, per il superamento delle problematiche relative alla corretta fruizione dei servizi pubblici e che interessano gli abitanti di Giorgilorio, che gravitano per necessità sul territorio del Comune di Lecce. “Sono certa – prosegue Adriana Poli Bortone nella lettera – che possa partire da qui una collaborazione più proficua in un territorio di area vasta che inevitabilmente comprende comuni limitrofi alla città capoluogo. L’avere affidato deleghe specifiche rappresenta a mio avviso una soluzione più corretta, e forse più cogente, rispetto alla Commissione Intercomunale degli anni scorsi che, nonostante le buone intenzioni del consigliere Coclite e dell’assessore Tondo, non ha prodotto risultati per le collettività.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!