Pantaleo Corvino, profeta del calcio salentino

 

L’ex direttore sportivo del Lecce Corvino ha presentato presso la Provincia di Lecce la sua biografia “Il profeta Pantaleo”

Pantaleo Corvino è tornato da profeta in patria per presentare la sua biografia. Da giovane è costretto a smettere di giocare a calcio (era mediano incontrista) per la morte del padre e si arruola in aeronautica. Una passione smodata lo riporta nei campetti come direttore sportivo della squadra del Vernole (in Terza Categoria). Poi 5 anni a Scorrano in promozione e 10 a Casarano in C1, dove è protagonista di clamorose scoperte (su tutti Fabrizio Miccoli) e attenta gestione manageriale. Per due anni lavora accanto al Presidente Paride De Masi che di recente ha rilevato la squadra riaccendendo nella tifoseria antiche passioni. Poi approda all’US Lecce: le promozioni, la scoperta di tanti giovani talenti, la grande occasione della Fiorentina di Della Valle e l’addio al Salento. Prima di andare via, fu lui, nello scetticismo generale, a chiamare Zeman, il grande accusatore della Juventus, profeta (lui si) della necessità di moralizzare l’ambiente e ripulirlo dal doping. La settimana scorsa si apprende che anche Corvino è stato deferito alla disciplinare della Lega calcio per avere tesserato illecitamente giovani calciatori nel periodo in cui era ds del Lecce. Nei tristi tempi dei Moggi e Pairetto, l’augurio del Golem è che si possa continuare ad essere orgogliosi della mezza dozzina di titoli italiani giovanili conquistati dal Lecce nell’era di Pantaleo Corvino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Mario Maffei

Giornalista professionista

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!