Identikit di una miss

Le confessioni di miss mondo Italia prima di partire per la finale mondiale

Elisaveta Migatcheva, neo-eletta miss mondo Italia si racconta. Una normale vita da diciassettenne a Roma, la passione per lo sport, tanti amici, due gatti per casa e il sogno di diventare un’affermata designer di interni

Sono Elisaveta Migatcheva e sono nata a Kazan, un paesino vicino Mosca lungo il fiume Volga. Mia madre Iulia da sempre ballerina professionista e per questo costantemente in giro per il mondo, quando era ancora bambina, si è trasferita in Italia a Roma dove attualmente viviamo. Sono praticamente cresciuta dietro al palcoscenico. Frequento il terzo anno del liceo “classico europeo – convitto nazionale Vittorio Emanuele II” zona Prati a Roma. Parlo quattro lingue: l’italiano, il russo l’inglese ed il francese. Al termine degli studi vorrei dedicarmi al design d’interni, quindi con ogni probabilità valuterò l’opportunità di frequentare una buona facoltà di Architettura. Sogno di diventare un’affermata designer d’interni e magari fondare una mia azienda che esporti nel mondo una linea d’arredamento, che rispecchi il mio carattere, testardo, orgoglioso e soprattutto creativo. Mi piace la musica buona in tutte le sue forme, passare il tempo libero con la mia allegra comitiva di amici, fare shopping, non perdermi i più importanti trailers nazionali ed internazionali, quantomeno per carpire gusti e tendenze della cinematografia, campo che mi affascina; dedicarmi al mio sport preferito che pratico sin dall’età di nove anni: la ginnastica ritmica. E’ proprio la pratica di questa disciplina che mi ha maturato, arricchendomi di ambizione e determinazione. Sogno di diventare una top model e magari riuscire a lavorare con i più grandi stilisti italiani ed internazionali, ed avere una bella famiglia. Ho due gatti, Felix e Stacy, che adoro. Felix è il mio gatto ciccione, pesa ben nove chili, ed è di colore bianco e nero; mentre Stacy è un’elegante gatta di razza siamese dai bellissimi occhi azzurri. I miei amici mi descrivono come una ragazza dolce, carina, viziata, sensuale, creativa, orgogliosa, testarda, sensibile… praticamente una diciassettenne con la testa sulle spalle, sicura di sè. Come detto vivo nella splendida Roma “caput mundi”, per me la città più bella del mondo. Adoro passeggiare nei prati di villa Borghese, girare in scooter per le vie del centro, passeggiare nella storica via Veneto, girare di sera nell’affascinate Campo dei Fiori, e poi ancora San Pietro, i fori imperiali e calcare di tanto in tanto l’arena più importante del mondo… il Colosseo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!