A Poggiardo una biblioteca tutta nuova

Al via l'allestimento della struttura

Sono partiti i lavori di ristrutturazione ed allestimento della biblioteca comunale di Poggiardo. Che, come dicono sindaco ed amministratori, sarà un luogo di studio e di ritrovo tra giovani

Sono partiti, finalmente, a Poggiardo, i lavori di allestimento della biblioteca comunale. Il Comune di Poggiardo, infatti, ha potuto provvedere all’acquisto degli arredi necessari alla struttura, grazie a un finanziamento ottenuto nell’ambito dell’Accordo di Programma Quadro in materia di beni e attività culturali. Il servizio bibliotecario, pertanto, è stato attivato presso i locali ex ECA del centro “Scipione Ammirato”. La sistemazione provvisoria si è resa necessaria per l’avvio dei lavori di ristrutturazione (adeguamento impianti, abbattimento barriere architettoniche, fornitura accessi e servizi per i diversamente abili) dell’ex municipio di piazza Umberto I (progetto finanziato dal PIS per 750.000,00 Euro) destinato ad ospitarne la sede definitiva. E sono già partite, peraltro, le attività di riscontro e integrazione inventariale del patrimonio pregresso. Nella giornata di oggi, inoltre, dalle 19 alle 21, sarà attivo il servizio di reference, nell’ambito del quale personale specializzato offrirà agli utenti informazioni sul ruolo attivo della biblioteca e sulle iniziative che la vedranno coinvolta. “Avere una biblioteca in un piccolo centro come il nostro rappresenta una conquista di civiltà – afferma Silvio Astore, sindaco di Poggiardo – perseguita con forza e caparbietà. Sono sicuro che costituirà un punto di riferimento culturale per tutti i cittadini, soprattutto per i giovani che avranno un centro di aggregazione stimolante ed educativo. E’ un investimento sicuro, che migliorerà la qualità della nostra vita dandoci l’opportunità di crescere come singoli individui e come collettività“. “La biblioteca – secondo Domenico Tarantino, assessore ai Beni Culturali – sarà un luogo di informazione e conoscenza, un elemento propulsore della vita culturale e sociale del paese, un centro di aggregazione e integrazione per i giovani. Sono in fase di programmazione – spiega – una serie di eventi e incontri per favorire l’utilizzo della biblioteca comunale da parte di tutti i cittadini”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!