Sebastiano Schito, presidente del Terziario Confindustria

 

Il nuovo presidente della sezione Terziario di Confindustria. Si tratta del consulente Sebastiano Schito, componente del CdA della società di direzione aziendale Ergho di Lecce.

Eccolo il nuovo presidente della sezione Terziario di Confindustria. Si tratta del consulente Sebastiano Schito, componente del CdA della società di direzione aziendale Ergho di Lecce. Una maggioranza schiacciante lo ha collocato sulla poltrona che fu di Paolo Pagliaro, il quale, fino all’ultimo, ha cercato invano di imporre il suo candidato (Stefano Petrucci), nonostante sul nome di Schito si fosse ormai trovata un’ampia convergenza e che personalità come Carlo Macculi prima e Antonio Lia dopo, si fossero fatte da parte per il bene dell’Associazione. Certamente gli imprenditori del “terziario” hanno voluto segnare con questo voto un cambio radicale rispetto al passato. Trentaseienne, sposato, due figlie, laurea alla Bocconi, Sebastiano Schito è persona schiva e poco salottiera (ma è da sempre amico personale di Piero Montanari). Riconosciuto dai suoi clienti come un professionista di alto profilo (ha certificato un centinaio di aziende salentine), al di fuori di questa cerchia è un perfetto sconosciuto, nonostante una “militanza” confindustriale di quasi dieci anni. Si dice addirittura che Enzo Benisi ignorasse la comune origine racalina. Con la sua faccia da bravo ragazzo tutto casa, chiesa e lavoro, l’augurio del Golem è che guidi con competenza e visione la Sezione con le maggiori prospettive di crescita, senza cedere alle immancabili pressioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Mario Maffei

Giornalista professionista

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!