Pasqua in tavola

I cibi tradizionali e quelli di oggi

Il significato della Pasqua si può interpretare anche attraverso i piatti che tradizionalmente si consumano nel giorno di festa: da quelli antichi, come le “scarcelle”, a quelle più attuali, e gustosi, come le uova di cioccolata (meglio se fondente). Ogni cibo pasquale, vecchio o nuovo che sia, riconduce all’evento della purificazione e della rinascita a nuova vita

E dopo Carnevale, venne Quaresima. Iniziano, con il mercoledì delle Ceneri, i lunghi quaranta giorni di penitenza e di preparazione alla Pasqua, l’evento religioso più sentito dalla comunità dei fedeli e uno degli appuntamenti più importanti del calendario cristiano. E’ strano come, in questo lungo periodo, che dovrebbe essere di purificazione e di “austerity”,facciano invece la loro comparsa, nei bar e sulle tavole di casa, le più gustose leccornie, come gli agnelli di pasta di mandorla, le colombe e soprattutto le uova di cioccolato. Ma, a dire il vero, la presenza di queste specialità non è poi tanto strana, se si va a fondo per comprenderne le matrice simbolica e religiosa. Gli agnelli di pasta di mandorla, ad esempio, richiamano proprio l’Agnus Dei, l’Agnello di Dio della religione cristiana. Le colombe sono un chiaro rimando allo Spirito Santo, rappresentato da sempre sotto forma dell’uccello simbolo di pace e di purezza con il suo colore bianco immacolato. All’inizio, le colombe erano solo di pasta di mandorla, ma poi è stata prodotta anche la colomba di cioccolato e farcita delle creme più varie. Il dolce pasquale più conosciuto in Salento, fino a qualche tempo fa, era in assoluto la “scarcella”, un pane fatto con zucchero, farina, uova e vaniglia, che assume le forme più disparate.Queste forme avevano tutte dei significati particolari, come un cesto, un animale, o come una bambola o un pupazzo per i bambini. A completare questo dolce, un uovo crudo, nel centro, fissato con una croce di pasta. Un po’ più ampio il discorso che riguarda le uova pasquali. L’uovo è un simbolo di fecondità; dall’uovo inizia la vita ed è chiaro il riferimento alla purificazione e alla rinascita in senso cristiano: come Gesù, con la resurrezione, rinasce dopo la morte, così l’uomo, purificato dal peccato nasce a nuova vita. La festività della Pasqua viene sempre a cadere in primavera quando la natura si risveglia, con nuove luci e nuovi colori. Ed è proprio in primavera che molte specie di volatili depongono le uova e la deposizione di uova diverse, a seconda delle varie specie di uccelli, può far pensare alle uova differentemente dipinte che gli antichi si regalavano durante questo periodo. La tradizione dell’uovo pasquale, infatti, ha origini antichissime. Già i romani erano soliti seppellire nei campi un uovo dipinto di rosso che propiziasse il raccolto. Con l’avvento del Cristianesimo, l’uovo divenne il simbolo della resurrezione; infatti, il guscio rappresentava la tomba di Cristo e il contenuto la vita che si rigenera; non è un caso che dentro le uova pasquali siano collocate delle sorprese, motivo di gioia e soddisfazione per chi le scarta. L’uovo, quindi, come simbolo della vita, anzi, del momento primigenio della vita stessa, che ci riporta alla formula latina “ab ovo”, per indicare qualcosa da cui tutto inizia. Donare un uovo è sempre un’azione beneaugurate. Tanto di guadagnato, poi, se quest’uovo, anziché sodo e da rompere durante il pranzo pasquale, come si usava una volta, è di cioccolato, meglio ancora se fondente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!