Balsabre per i dieci anni di Raggio Verde

Una mostra d’arte per ripercorrere dieci anni di attività dell’associazione

La personale di pittura di Vittorio Balsebre, artista piemontese-salentino, e tanti ospiti e appassionati di arte e cultura. E’ così che Raggio Verde festeggia il suo decimo compleanno

“E' un manifesto lacerato o una poesia trovata? Per me i titoli non contano”. Questo aforisma del “Balsebre pensiero” è anche il titolo di una mostra dello stesso Vittorio Balsebre che si inaugura oggi nella sede del Raggio Verde, in via Federico D'Aragona a Lecce. Si tratta di “doveroso omaggio – come spiegano gli organizzatori – ad un grande artista contemporaneo, di origine piemontese ma ormai figlio del Salento”, e che sarà ospite d'onore della festa per il decimo anniversario dalla costituzione dell'associazione leccese. ”Dieci anni sono passati – proseguono dal Raggio Verde – da quando un manipolo di folli idealisti decise di dar vita, proprio nel cuore della città del barocco, ad una nuova realtà associativa che, secondo l'intuizione di Giusy Petracca, presidente e ideatrice, prendeva il nome di Raggio Verde e si poneva come uno spazio aperto all'incontro e al confronto nel segno dell'arte e della cultura. Concepita, questa, non come prerogativa èlitaria ma come vivo scambio di sinergie tra artisti, operatori, intellettuali, semplici fruitori e curiosi. Nella convinzione che l'arte è di tutti e non ha confini. All'inaugurazione fissata per le ore 19 di oggi saranno presenti lo stesso Balsebre con la consorte, Giancarlo Montelli e tutti gli amici del Raggio Verde. Tra gli ospiti sono attesi Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce, Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, Giacinto Leone, direttore dell'Accademia di Belle Arti di Lecce, Alessandro Laporta, direttore della Biblioteca provinciale e Antonio Cassiano, direttore del Museo provinciale “Castromediano”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!