De Masi tra i “magnifici sette”

Ancora riconoscimenti per l'imprenditore di Casarano

Tutti parlano di Paride De Masi. L'imprenditore di Casarano, già premiato al “Premio Barocco” nella sezione economia, ora ottiene un nuovo riconoscimento. Questa volta da “Economy”, la rivista specializzata nel settore, che lo inserisce tra i “magnifici sette”: gli imprenditori under 40 di tutta Italia.

Uno dei “magnifici sette”. Così “Economy”, il settimanale di economia di Mondadori, ha definito l’imprenditore Paride De Masi, presidente del gruppo “Italgest”, nel servizio principale dedicato ai giovani imprenditori di successo. Il business magazine, nel numero di questa settimana, analizza la voglia di imprenditoria dei trentenni italiani, racconta la loro voglia di emergere nel loro settore e sui mercati esteri. Tra gli 850.000 imprenditori italiani “under 40”, il settimanale ne ha scelti sette, provenienti da varie parti d’Italia – due bresciani, un padovano, uno di Pordenone, un vicentino, un palermitano – come rappresentanti del Made in Italy che funziona. Tra questi, l’imprenditore casaranese, 38 anni, impegnato in vari settori economici (immobili, energia, ecologia) che tra i sette prescelti ha il fatturato più alto (€ 100 milioni annui). In questo periodo, l’interesse della stampa specializzata nazionale nei confronti del presidente di “Italgest” è costante. D’altronde non succede tutti i giorni che un giovane imprenditore del sud, in poco tempo, diventa socio dei Falck in una società quotata in Borsa (Actelios), di cui è vicepresidente e ne controlla il 15%. Altrettanto interessante, oltre alle varie attività della sua holding, è il progetto delle boe intelligenti, denominato “Smart Park”, un sistema di prenotazione barca via internet, realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente. Giusto ieri, il quotidiano economico “Finanza $ Mercati”, ha dedicato a De Masi una pagina intera, raccontandone la storia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!