Ratifica ufficiale del Pit 9

Parte la fase attuativa

29 giugno: nella sala riunioni della giunta regionale di Palazzo Capruzzi a Bari, Remigio Venuti, Sindaco di Casarano, comune capofila di 69, ha siglato con il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, il contratto Pit 9.

Mercoledì è stato il giorno della ratifica ufficiale, giorno in cui s’è messo nero su bianco e dato il via ufficiale al Pit. La sottoscrizione dell’accordo costituisce il punto di arrivo di una lunga e articolata fase di concertazione da parte del territorio salentino, che ha prodotto significativi risultati in termini di programmazione dal basso e di partecipazione attiva da parte del più ampio sistema delle autonomie locali e rappresenta il giusto riconoscimento del lavoro svolto dalle forze vive del territorio, coordinate e indirizzate dall’Amministrazione di Casarano. L’immediata cantierabilità delle infrastrutturazioni previste dal programma Pit e la rapida utilizzazione delle risorse destinate alle agevolazioni alle imprese e alla formazione, permetterà di dare risposte concrete all’esigenza di rinnovamento del sistema economico locale, interessato da situazione di difficoltà strutturale. L’avvio della fase di attuazione rappresenta, inoltre, la sperimentazione di una nuova forma di governo associato al territorio che, attraverso la costituzione dell’Ufficio Unico del Pit, e’ destinata ad influire sulla capacità di gestione delle future politiche di sviluppo da parte delle Istituzioni locali. L’ammontare complessivo delle risorse pubbliche attivate dal Pit 9 e’ pari ad oltre 54 milioni di euro che sommate ai cofinanziamenti, pubblici e privati, permetterà di mobilitare risorse complessive per quasi 100 milioni di euro. “Molto spesso si abusa dell’aggettivo, ma nell’occasione specifica, non posso esimermi di definire, il 29 giugno, una data storica – ha affermato con soddisfazione il sindaco di Casarano, Remigio Venuti – dopo anni di intenso lavoro è stato sottoscritto il contratto, determinante perchè contiene, non solo le modalità d’attuazione del progetto, ma anche i tempi certi delle varie misure. Da oggi comincia la fase attuativa dei progetti che chiama in causa tutte le realtà del manifatturiero locale. Cominceremo subito coinvolgendo le imprese, a tal proposito già il prossimo 9 luglio, a Casarano, presso l’auditorium della fondazione Filograna è in programma un interessante convegno sul rilancio del settore manifatturiero, agevolazione alle imprese e processi di internazionalizzazione, propedeutico per l’attività che tutti, istituzioni e imprese, saremo chiamati a svolgere in questi mesi. E’ auspicabile la partecipazione di tutti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!